Riparatore Forum Riparazioni Elettroniche per Riparatori ed Appassionati Powered by Forumgratis.com

  Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza,
  e per farti visualizzare contenuti pubblicitari personalizzati, questo sito usa cookie anche di terze parti.
  Chi sceglie di proseguire nella navigazione esprime il consenso all'uso dei cookie. informativa e revoca consensi qui .
 





Pagine: (8) [1] 2 3 ... Ultima »  ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topic Apri una nuova discussione Start Poll

> Philips BI 310A da rimettere in sesto
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 02:19 AM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Ciao a tutti, sono nuovo di questo forum, mi ci sono imbattuto facendo delle ricerche su google per cercare di risolvere il problema che ora vi spiegherò.

Recentemente mi è stata regalata una vecchia radio a valvole philips BI 310A da riparare (anche se la parola restaurare forse sarebbe più corretta viste le condizioni in cui si trovava). La radio aveva un sacco di problemi: puleggia per lo scorrimento delle frequenze arrugginita, un condensatore scoppiato e un circuito RC "integrato" LARES rotto.

Lasciando momentaneamente perdere la puleggia, da cui dovrò togliere la ruggine, mi sono concentrato su quello che, almeno visivamente, era l'unico problema di natura elettrica della radio. Una volta sostituito il condensatore scoppiato, rimaneva come problema questo circuito RC spaccato che ovviamente mi dovevo ricostruire. Aiutandomi con lo schema della radio, che per comodità vi riporto sotto questo post e un ottimo schema di questi circuiti RC trovato su internet, sono riuscito a ricostruirmi su millefori il circuito precedentemente rotto.

Arrivati a questo punto premetto che questa è la prima volta che metto mano ad un apparecchio a valvole, pertanto le mie conoscenze in questo senso sono limitate.

Sostanzialmente il problema che si presenta, una volta accesa, è che una delle resistenze che ho sostituito io (quella da 150 ohm) dopo una decina/quindicina di secondi si surriscalda parecchio e inizia a fumare (ora credo sia proprio bruciata). Questo ovviamente è causato da un'eccessiva potenza dissipata nella resistenza (superiore a quella tollerata, che nel mio caso è 1/4 o 1/2 di watt, non ricordo), tuttavia non mi spiego come possa generarsi questa potenza visto che il filo originale è molto sottile (ergo il filo stesso dovrebbe riscaldarsi in presenza di una potenza troppo elevata). Senza contare che questi circuiti RC LARES non mi sembrano molto adatti a supportare potenze tanto elevate, visto che sembrano quasi delle basette con degli strati resistivi sottili. Quindi, ritornando a noi, cosa potrebbe causare questa grande potenza dissipata?

Potrebbe essere la valvola rotta (la valvola in questione, se ho interpretato bene il circuito dovrebbe essere la EL41)? Oppure devo procurarmi una resistenza di potenza tollerata più alta?

File Allegato ( Numero di download: 129 )
File Allegato  bi310a.pdf

Member is OfflinePM
Top
pigi
Inviato il: Dec 31 2011, 09:55 AM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 300
Utente Nr.: 9763
Iscritto il: 27-May 08



Ciao.
La resistenza da 150 Ohm è quella di Catodo della valvola finale EL41.
Tale resistenza è interessata al passaggio della Corrente Anodica e serve per la polarizzazione automatica della griglia controllo.
Di solito questa resistenza ha la potenza di 1 watt. Quindi probabilmente quella da un quarto è assolutamente sottodimensionata.
Ma l'apparecchio funziona bene? L'audio distorce?
Controlla la tensione di griglia e C32 il condensatore da 10 KpF che non sia in perdita e ti porti una tensione positiva in griglia aumentando di conseguenza la Corrente anodica e quindi la dissipazione della resistenza catodica.

Member is OfflinePMEmail Poster
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 11:30 AM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



ok, quindi lì la resistenza è sottodimensionata. Provvederò a sostituirla.
Per quanto riguarda invece le altre resistenze della basetta LARES vanno bene quelle da un 1/4 di watt oppure anche quelle sono sottodimensionate?

L'apparecchio sinceramente non l'ho provato in funzione visto che devo rifare da zero il meccanismo di funzionamento della puleggia, per questo volevo prima occuparmi della parte elettrica per poi passare ad altro. In ogni caso controllo il condensatore che hai detto e nel caso fosse in perdita lo sostituisco.

EDIT: ah, una cosa: mi consigli di mettere un filo di diametro maggiore tra il capo anodico della valvola e la resistenza da 150 ohm? Perchè quello originario lo vedo molto sottile per quella potenza, non credi?

Member is OfflinePM
Top
Gamon
Inviato il: Dec 31 2011, 12:35 PM
Quote Post


Guru
***

Gruppo: Members
Messaggi: 2672
Utente Nr.: 3400
Iscritto il: 8-December 06



Ciao!

Io solitamente su questi apparecchi non metto mai resistenze inferiori a 1/2W... Anche perchè spesso hai bisogno di terminali lunghi che le resistenze da 1/4W non hanno.

Per il resto, vai tranquillo la resistenza da 150Ohm è l'unica in quel modulo dove passi un po di corrente e quindi occorra un componente da 2W). Il filo non è un grandissimo problema, invece, perchè comunque la tratta è molto corta. Se la sua sezione è come quella del terminale della resistenza, va benissimo!

Member is OfflinePMEmail Poster
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 01:49 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Comunque ho controllato il condensatore ed è apposto, ora sostituisco la resistenza con quella da 1W e provo

Member is OfflinePM
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 02:14 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Anche la resistenza da 1 watt brucia...con 2W non dovrebbe dare problemi?

Member is OfflinePM
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 04:42 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Sono ancora io davanti ad un nuovo problema.

Sostanzialmente prima ho riacceso la radio per controllare un attimino le tensioni e mi sono accorto che appena accesa si sentivano parecchio suoni tipo "TAC" molto forti che credo fossero legati al trasformatore o comunque l'area di alimentazione (poichè in corrispondenza dei suoni la lampadina dell'occhio magico diminuiva la sua luminosità per un istante).

A quel punto ho provato a spegnerla e riaccenderla ma ho sentito la stessa cosa. Poi mi sono accorto che la valvola AZ41, credo fosse la raddrizzatrice, ha cominciato a illuminarsi alla base come con delle scintille e contemporaneamente dal trasformatore è uscito del fumo. La valvola sembra non funzionare più e se accendo la radio dopo poco vedo del fumo e puzzo di bruciato.

Ok che la valvola con molta probabilità è partita, ma secondo voi è andato a farsi benedire anche il trasformatore? O semplicemente è causato da un surriscaldamento per il malfunzionamento della valvola che magari brucia la polvere presente nella radio (e nel trasformatore credo)?

PS: nonostante sia spento da molto, il trasformatore è ancora molto caldo.

Member is OfflinePM
Top
Giulio Maiocco
Inviato il: Dec 31 2011, 04:56 PM
Quote Post


Utente Anziano
**

Gruppo: Members
Messaggi: 419
Utente Nr.: 1404
Iscritto il: 29-October 05



Ciao, scusa se chiedo, ma per caso ci sono ancora i condensatori elettrolitici originali, vero? Già lì è un enorme rischio a lasciarli, anche se di solito gli elettrolitici Philips sono molto longevi. Altra cosa, mai spegnere ed accendere "velocemente" una radio o qualsiasi apparecchiatura che si voglia, specie se impiega valvole raddrizzatrici, i picchi di corrente le distruggono, rendendole inservibili.

Se il trasfo è diventato tanto caldo, è facile che ci sia un corto circuito da qualche parte, puoi ancora tentare di verificare il suo funzionamento togliendo tutte le valvole dalla radio ed accendendola, anche dopo un'oretta sotto tensione, il trasformatore dovrebbe restare tiepido, MAI bollente, altrimenti è tempo per una ribobinatura, mi spiace!

Ciao

Giulio

Edit: darei anche una bella occhiata (sostituirei senza starci a pensare se il telaio fosse mio) a C31, il condensatore posto tra la placca della EL41 e massa, se questo va in corto, rischi di arrostire la AZ41, il trasfo d'alimentazione e il trasfo d'uscita, non male come danno per voler tenere un componente originale assolutamente inaffidabile!

Member is OfflinePMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 05:45 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Al momento sto tenendo il telaio in tensione senza alcuna valvola montata e il trasformatore per ora non da segni di surriscaldamento e/o fumi. Quindi forse (si spera) è ancora intatto?

Per quanto riguarda gli i condensatori, c'era un ducati (il C30) che era scoppiato e l'ho sostituito. Per quanto riguarda il c31 non riesco a capire se nel mio caso è elettrolitico oppure no, visto che sull'etichetta in carta non trovo segnali sulla polarità o addirittura sul valore stesso del condensatore.

In ogni caso lo vedo intatto come gli altri condensatori, semmai controllo l'eventuale perdita che può avere.

La valvola però credo sia partita per qualche motivo, visto che l'ultima volta che ho acceso la radio con la valvola inserita, questa non si era accesa a prima vista.

Member is OfflinePM
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 05:52 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Piccolo aggiornamento: controllando meglio la valvola AZ41, mi sono reso conto che visivamente dentro è saltato un filamento che è libero di vagare dentro il tubo di vetro...ergo probabilmente la valvola è saltata per qualche motivo e ha fatto corto.

Potrebbe essere stata questa la causa?

EDIT: come non detto, passata questa mezzoretta ho spento la radio, tolto corrente e controllata la temperatura...purtroppo il trasformatore è bollente specialmente sull'avvolgimento secondario. Purtroppo la rottura della valvola e il conseguente corto ha fatto saltare il trasformatore, vabbè pace ne farò un soprammobile sad[2].gif

Member is OfflinePM
Top
Giulio Maiocco
Inviato il: Dec 31 2011, 05:57 PM
Quote Post


Utente Anziano
**

Gruppo: Members
Messaggi: 419
Utente Nr.: 1404
Iscritto il: 29-October 05



Ascoltami, ormai sono parecchi anni che ho a che fare con apparecchi valvolari, i condensatori a carta non li puoi giudicare dall'aspetto, e difficilmente ne troverai di buoni!

Come dicono i buoni "colleghi" americani, se il condensatore produce suono quando colpisce il fondo del cestino della spazzatura svuotato, vuol dire che era guasto e personalmente sono molto d'accordo con la loro filosofia, ossia via qualsiasi condensatore a carta ed elettrolitico originale.

Per completezza d'informazione, C31 per forza non può essere elettrolitico visto il punto circuitale e la sua funzione, ma sarà pressochè certamente al 100% a carta, salvo che non sia stato rimpiazzato in tempi recenti e comunque questa possibilità non esclude automaticamente che questo eventuale rimpiazzo sia buono, anzi!

Probabilmente il trasfo è buono se non si surriscalda, puoi ancora fare una prova (mi raccomando però attenzione a non prenderti qualche scossone!), ossia misurare sui piedini 2 e 6 dello zoccolo della AZ41, uno alla volta rispetto massa/telaio, che tensione ottieni, così a naso dovrebbero esserci circa 310V per ogni piedino, ma la cosa fondamentale è che le tensioni dovrebbero essere pressochè identiche tra loro (per esempio, se leggi 315V al pin 2, dovresti poter leggere la stessa tensione pure al pin 6). Il tester va regolato per letture di tensioni alternate sulla scala più alta disponibile (700V?)

Spero di esserti utile

Giulio

Member is OfflinePMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
Giulio Maiocco
Inviato il: Dec 31 2011, 06:02 PM
Quote Post


Utente Anziano
**

Gruppo: Members
Messaggi: 419
Utente Nr.: 1404
Iscritto il: 29-October 05



Beh, la AZ41 di per sè è una valvola molto delicata che mal sopporta sovraccarichi o peggio corto circuiti, soltamente la fine che fa è la distruzione dei filamenti. E' possibile che il filamento che ti si è rotto sia andato in contatto con la rispettiva placca, causando quindi fuoco e fiamme, con relativo fumo che hai osservato.

Quindi, sicuramente a questo punto la AZ41 è da rimpiazzare, ma prima di metterne su un'altra, scusa se sono insistente, sostituisci almeno tutti i condensatori a carta assoggettati a tensione anodica, tra cui il famoso C31.

Gli elettrolitici POTREBBERO ancora essere buoni, ma non sorprenderti se pure questi richiedessero la sostituzione

Member is OfflinePMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 06:14 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Scusa l'ignoranza, ma come faccio a numerare i piedini delle valvole? C'è una regola particolare?

Perchè non ho visto onestamente alcun segno sullo zoccolo.

Anche se credo che il trasformatore sia morto, visto che si surriscalda anche se non emette fumi, voglio provare a fare questo ultimo test così da decretarne una volta per tutte la morte.

Nel caso che funzioni, cambierò valvola e tutti i condensatori presenti nel telaio.

Grazie mille comunque per l'aiuto! My_Sorriso.gif

Member is OfflinePM
Top
Giulio Maiocco
Inviato il: Dec 31 2011, 06:21 PM
Quote Post


Utente Anziano
**

Gruppo: Members
Messaggi: 419
Utente Nr.: 1404
Iscritto il: 29-October 05



Scusa, sono stato poco preciso e giustamente hai fatto bene a chiedermi: nelle valvole cosidette rimlock, dovresti notare una piccola sporgenza nel vetro a pochi mm dalla base, quella è la chiave, ossia tenendo la valvola con i pin verso di te, il pin più a sinistra del piolo in vetro è il pin 1, quello più a destra ovviamente il pin 8. Naturalmente si conta in senso orario

Guarda un pò se il datasheet a cui ti rimanda il link ti viene in aiuto per capire?
http://www.mif.pg.gda.pl/homepages/frank/s.../030/a/AZ41.pdf

Per il trasfo, anche se fosse bruciato, guarda che si può riavvolgere!

Ciao

Giulio

Member is OfflinePMEmail PosterUsers WebsiteMSN
Top
Difio
Inviato il: Dec 31 2011, 06:24 PM
Quote Post


Utente
*

Gruppo: Members
Messaggi: 62
Utente Nr.: 52875
Iscritto il: 31-December 11



Ok, controllo le tensioni e poi ti faccio sapere. Per quanto riguarda il riavvolgimento del trasformatore, è una cosa che sinceramente non ho mai fatto e non so nemmeno se ho gli strumenti per farlo.

Member is OfflinePM
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine: (8) [1] 2 3 ... Ultima » Reply to this topic Apri una nuova discussione Start Poll

 




Provided by Forumgratis.com - Crea il tuo forum Gratis ora - Segnala Abuse

Coolnetwork Hosting Solution