Versione stampabile della discussione
Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale
riparatore > Anti Tarocco > Condensatori elettrolitici


Inviato da: giacomo004 il Aug 5 2010, 12:40 PM
Non so se e' per la bassissima qualita' di costruzione, fatto sta, che dopo pochi giorni di funzionamento, questi condensatori si gonfiano e vanno in corto circuito... blink.gif


my_bye.gif

Inviato da: digirunner il Aug 5 2010, 07:39 PM
NON sono un granchè, li ho anche usati industrialmente in decine di migliaia di pezzi e li ho trovati tra i più scarsini...

Però attento, a quanto mi pare di vedere, quello in foto è un modello per applicazioni "tranquille" dopo un raddrizzatore e trasformatore di rete (50Hz, che poi per il condensatore si traduce in un ripple a 100Hz)
Guai a usarli all'uscita di uno switching e/o dove serve un alta temperatura e elevato ripple!
In quel caso durano giusto qualche giorno... non vorrei fosse il tuo caso wink[2].gif
A volte le sigle sui condensatori sono astruse e per niente ben codificate, ogni produttore usa i suoi "codici" default_angry.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Aug 22 2010, 10:51 PM
Questo marchio e' il primo che ho inserito nella lista nera.
Praticamente il giorno che vedro' una scheda foderata con quelli non mi fermero' nemmeno un secondo a pensare e la faro' volare dalla finestra. Poveri passanti. my_bye.gif

Ah, se la scheda e' sotto tensione prima di avvicinarvi togliete tensione o indossate l'armatura e lo scudo o i caps vi faranno male.

Inviato da: giuseppe74 il Sep 2 2010, 07:24 PM
Proprio i condensatori montati in questo alimentatore...
Nella foto forse non si notano, tutti e 3 sono gonfi...

my_bye.gif

Inviato da: al8503 il Sep 2 2010, 08:11 PM
Grande Giacomo.......

è proprio un bel colpo, me ne avevano regalati 300 di 3 valori comunissimi a 105°, ma da quello che ho letto, mi conviene gettarli e non verserò una lacrima.

Un ringraziamento a tutti
1_my_roger.gif 1_my_roger.gif

Inviato da: Steve il Sep 2 2010, 10:47 PM
Certo che si notano e in uno si vede anche la data 2008....cioè piuttosto recente...

Inviato da: digirunner il Sep 3 2010, 05:09 PM
QUOTE (al8503 @ Sep 2 2010, 08:01 PM)
Grande Giacomo.......

è proprio un bel colpo, me ne avevano regalati 300 di 3 valori comunissimi a 105°, ma da quello che ho letto, mi conviene gettarli e non verserò una lacrima.

Un ringraziamento a tutti
1_my_roger.gif 1_my_roger.gif

Se li usi in applicazioni tranquille, non dovresti avere problemi.

I problemi sorgono se, come nelle applicazioni commerciali vengono usati al limite, soprattutto per quanto riguarda il ripple!

A volte ho come il sospetto che sia una cosa attentamente ricercata... altrimenti perché montare un 820 uF dove poteva starci un 1000 uF ?

Praticamente mettono un "timer" sulla vita dell'apparecchiatura, si da esser certi che si guasti poco dopo la scadenza della garanzia, con la certezza di "rivenderla a breve"

BASTA-RDI ! 1_my_nono.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Sep 3 2010, 07:37 PM
@ giuseppe74
Scusa la curiosita', quell'alimentatore cosa alimenta?

@ al8503
QUOTE
mi conviene gettarli
e salverai il pianeta.
Puoi sempre utilizzarli per costruire circuitini...o sperimentare.
Prova a farli lavorare in circuiti che lavorano fino a meta' della massima tensione applicabile ai loro capi, e in alimentatori a bassa frequenza, no switching, probabilmente svolgeranno egreggiamente il loro lavoro e per un ragionevole tempo. my_bye.gif

Inviato da: giuseppe74 il Sep 3 2010, 08:41 PM
Ciao Alessio, alimenta una centralina d'allarme.

my_bye.gif

Inviato da: al8503 il Sep 3 2010, 09:17 PM
OK, ragazzi

certamente sono dei condensatori elettrolitici che andavano bene prima dell'avvento degli alimentatori switching e forse vanno bene anche lì!

Sono d'accordo con digirunner, perché anch'io non ho mai capito come mai usare i 680, o gli 820, per questioni di spazio??? no !

Va aumentata la capacità !!!

Comunque è buono sapere tutto questo.

un saluto ragazzi!!!
1_my_roger.gif 1_my_roger.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Sep 4 2010, 11:01 PM
QUOTE
alimenta una centralina d'allarme

Con questa premessa ti suggerisco di sostituirli tutti prima che possano danneggiare permanentemente i semiconduttori della centralina, dato che il compito degli elettrolitici e' mandare a massa quanto piu' possibile l'alternata, e dato lo stato precario di quelli credo che attualmente stiano filtrando ben poco, semplicemente perche' quello non e' il posto adatto per loro.
Ci sono condensatori piu' competenti che oltre ad assicurare un ottimo funzionamento assicureranno una lunga vita all'alimentatore e alla centralina nonche' una sicurezza maggiore.

QUOTE
andavano bene prima dell'avvento degli alimentatori switching e forse vanno bene anche lì
Chiarisco il concetto: i Capxon sono moderni condensatori che dovrebbero poter essere installati in alimentatori a commutazione (dipende da quale serie di Capxon vogliamo parlare), ma dato il loro scarso livello di qualita' ogni scheda utilizzante questo marchio di elettrolitici e' soggetta a guasti in maniera maggiore rispetto alla stessa scheda che impiega elettrolitici di altre marche, i quali sono volutamente progettati per sopportare elevate correnti di ripple e presentano una bassa ESR in un (relativamente) ampio spettro di frequenze compreso tra 100 Hz e 10 kHz, alla temperatura di 20 gradi centigradi.

Per quanto riguarda i valori di capacita' recentemente ho sostituito un Philips azzurro da 680uF 35V (in una linea da 32V) con la bellezza di 20 anni di lavoro sulle spalle, il valore (680) poco comune rispetto agli altri e' tuttavia spiegabile col fatto che il condensatore in questione fa parte di uno stadio di geometria in cui tassativamente va installato quel valore, perche' se si volesse diminuire o aumentare la capacita' si otterrebbero variazioni indesiderate sulla geometria che dovrebbero essere compensate da altre modifiche al circuito. La scelta del valore di capacita' che si esegue sulla carta in fase di progetto poi deve sposarsi con la serieta' e la competenza del costruttore dell'elettrolitico che andra' inserito nel circuito. Venti anni di utilizzo alla massima tensione consentita sono il risultato di un perfetto matrimonio tra progetto teorico e utilizzo pratico risultante in una estrema affidabilita'.

Con questo voglio sottolineare che Capxon e' in buona compagnia, nel senso che al mondo sono rimasti in circa una decina i costruttori seri, mentre la rimanente quarantina di marchietti rappresentano quanto di peggio si possa trovare sul mercato mellow.gif.
Il risultato sta nelle due foto sopra postate.

Inviato da: fulper il Sep 4 2010, 11:32 PM
Ciao.

QUOTE (alessioblaupunkt @ Sep 4 2010, 10:51 PM)

Con questo voglio sottolineare che Capxon e' in buona compagnia, nel senso che al mondo sono rimasti in circa una decina i costruttori seri, mentre la rimanente quarantina di marchietti rappresentano quanto di peggio si possa trovare sul mercato mellow.gif .

Purtroppo, riducendo giorno dopo giorno i costi di produzione ed al consumo, questi sono i risultati... sad[2].gif
Dovremmo renderci conto, una volta per tutte, che non è solo la mano d'opera (cinese) ad abbassare i costi degli apparecchi in genere ma anche i componenti con i quali sono costruiti.

Inviato da: SA 9900 il Sep 5 2010, 08:55 AM
la qualita' si paga indubbiamente...vedi elna etc etc

Inviato da: smemail il Oct 5 2010, 08:46 AM
QUOTE (SA 9900 @ Sep 5 2010, 08:45 AM)
la qualita' si paga indubbiamente...vedi elna etc etc

leggo solo ora questo post e rimango senza parole visto che stavo acquistando proprio sti condensatori qua!
Praticamente bisogna usare solo ELNA da quel che leggo....... eppure ne ho visti tanti di elna gonfi o secchi!!! sad[2].gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 5 2010, 09:37 AM
QUOTE
Praticamente bisogna usare solo ELNA da quel che leggo....... eppure ne ho visti tanti di elna gonfi o secchi!!!


Non esattamente.
ELNA produce una vasta gamma di elettrolitici per applicazioni diverse.
Il fatto che sia Elna non implica che sia adatto ad ogni circuito.
Inoltre i Capxon che ha mostrato Giacomo sono relativamente nuovi, facci sapere gli Elna secchi o gonfi in quale apparecchiature li hai trovati.
E' probabile che si siano danneggiati perche' sono state utilizzate serie non adatte a quei circuiti.
Ad esempio nel ramo delle schede madri il marchio Elna non viene nemmeno preso in considerazione, non perche' siano di bassa qualita', semplicemente Elna non costruisce elettrolitici adatti ad essere utilizzati in schede madri, o applicazioni simili. my_bye.gif

Inviato da: smemail il Oct 5 2010, 10:32 PM
è vero...... nelle schede madri ci sono sempre altre marche.... ma secondo voi sono migliori oppure sempre economici?

Comunque gli elna trovati gonfi si parla sempre di switching (ormai solo li sostituisco condensatori) e anche sugli alimentatori mivar, in questo caso secchi perche so ripartiti non appena sostituiti! smile0.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 6 2010, 01:44 PM
Marche da non considerare:

Arcon
Canicon
Capxon
Chhsi
Choyo
CTC
DST
Fuh Yin
Fuhjyyu
Fujitsu
Gloria
G-Luxon
GL
Gsc
Hec
Hermei
I.Q.
Jackcon
JDEC
Jee
Jpcon
Jun Fu
Lelon
Licon
Nkcon
Nrsy
Ost
Partsnic
Pce-tur
Raycon
Rubysun
Rulycon
Skywell
Stone
Supacon
Su'scon
Taicon
Tayeh
Teapo
Tocon
Wendell
Yec


Fonte badcaps.net
QUOTE
in questo caso secchi perche so ripartiti non appena sostituiti!

Non ho capito. Erano gia' difettosi prima di essere installati ma te ne sei accorto solo dopo? Puoi scrivere i numeri riportati sui condensatori (non capacita' e tensione).
my_bye.gif

Inviato da: scalzomen il Oct 6 2010, 01:55 PM
togliendo tutte queste marche mi sa che in giro ci rimane ben poco!!

Inviato da: Doc il Oct 8 2010, 03:05 AM
cosa prendo allora io per la scheda madre? huh.gif

sarò costretto ad ordinare online i condensatori....mi pare che non avrò scelta sulla marca (sto vedendo kalcik, comprameglio, e qualche altro shop online), se non ordino su distrelect o rs components...mi fido lo stesso di quel che arriverà?

Inviato da: Spook65 il Oct 8 2010, 08:18 AM
Sicuramente la qualità di un componente fa il prezzo.
Meno costa.. meno vale.
Quindi è sicuro che i costruttori di porcherie usa-e-getta vanno a comperare il componente meno caro.
Ho visto elettrolitici della Siemens montati su schede di alimentatori industriali non fare una piega dopo 15 anni di lavoro continuo in ambiente pesante (fonderia), con temperature tropicali..

Nell'ambito consumer valgono sempre i "soliti" nomi:
ELNA
Epcos (Siemens)
Matsushita (Panasonic)
RIFA (Revox Rifa)
ROE

I produttori non esistono più, ma sempre validi: ITT, Vemco

Reputo buoni anche i Daewoo, Nichicon, Rubycon, Towa, Samhwa

Philips mi ha deluso.

Naturalmente vale il discorso di usare il giusto prodotto per la giusta applicazione (ogni produttore ha una bella varietà di serie, non basta dire condensatore elettrolitico)

(lista in aggiornamento)

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 8 2010, 06:02 PM
@ Doc
QUOTE
cosa prendo allora io per la scheda madre?

Solo elettrolitici con bassa ESR, altrimenti avrai parecchi problemi, tra i quali il pc che non si accende.
Gli elettrolitici dovrebbero poter sopportare una elevata corrente di ripple, allo scopo devi controllare ogni singolo elettrolitico che hai intenzione di sostituire, cercare la serie sul sito del costruttore e confrontarlo con gli elettrolitici degli altri costruttori.
Oppure apri un post con la lista degli elettrolitici che attualmente sono installati e attendi informazioni.

@ Spook65
A quelli che hai citato aggiungo Sanyo, sembra aver una ottima reputazione nel campo delle schede madri.

Inviato da: Doc il Oct 9 2010, 01:14 AM
si ok alessio, grazie per l'info...ma...per esempio in kalcik, trovo condensatori elna, a me ne servono da 1000uF -6,3 V, però non si capisce che esr abbiano...:

http://www.kalcic.it/dettaglioarticolo.asp?idArticolo=4%2FE0360

sad[2].gif


l'unico sito serio dove trovo pure le schede tecniche dei prodotti è rs..

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 9 2010, 11:59 AM
Quello in foto e' l'Elna RE2J, serie fuori produzione e sostituita dalla RE3 con colore blu. Sono elettrolitici per uso generale, hanno ESR elevata, dell'ordine di qualche ohm, non sono quindi adatti all'uso su schede madri.
Correresti il rischio che il pc non si accenda se installi questi.
Puoi acquistare da RS o Digikey o Distrelec o da chi vuoi ma non ti consiglio ebay perche' il mercato del falso per gli elettrolitici e' molto ampio e la maggior parte viene dai paesi asiatici. my_bye.gif

Inviato da: alextron il Oct 10 2010, 03:01 PM
Su kalcic le foto dei cond. sono tutte uguali e non rapprresentano il modello o la capacità dell'articolo indicato http://www.kalcic.it/default.asp?id_categoria=441|445|450|452, per cui la foto non è indicativa; la qualità dei componenti fornita (specie ELNA) mi risulta buona. Per acquistare su RS che ha un assortimento sicuramente migliore, occorre la partita IVA.
Penso che qualunque condensatore nuovo di buona qualità (oramai sappiamo quali sono, vedi sopra) compresi quelli ad 85°C, funzionerà sempre meglio di quelli esausti montati sulla scheda.
Saluti my_bye.gif

Inviato da: scalzomen il Oct 10 2010, 11:19 PM
QUOTE (alextron @ Oct 10 2010, 03:51 PM)
Su kalcic le foto dei cond. sono tutte uguali e non rapprresentano il modello o la capacità dell'articolo indicato http://www.kalcic.it/default.asp?id_categoria=441|445|450|452, per cui la foto non è indicativa; la qualità dei componenti fornita (specie ELNA) mi risulta buona. Per acquistare su RS che ha un assortimento sicuramente migliore, occorre la partita IVA.
Penso che qualunque condensatore nuovo di buona qualità (oramai sappiamo quali sono, vedi sopra) compresi quelli ad 85°C, funzionerà sempre meglio di quelli esausti montati sulla scheda.
Saluti my_bye.gif

Non è mica vero che si necessita di partita IVA su Rs...io non ce l'ho e ci ho comprato tranquillamente...

Inviato da: digirunner il Oct 10 2010, 11:27 PM
QUOTE (alextron @ Oct 10 2010, 02:51 PM)

"Penso che qualunque condensatore nuovo di buona qualità (oramai sappiamo quali sono, vedi sopra) compresi quelli ad 85°C, funzionerà sempre meglio di quelli esausti montati sulla scheda"



mica vero.... un condensatore ad alto ESR, montato in uscita di uno switching che lavora a frequenze sopra 50-100KHz (e quelli sulle MB lavorano anche oltre il MHZ) è come se non ci fosse!
...anche se nuovo rolleyes[2].gif

Inviato da: alextron il Oct 12 2010, 01:12 AM
Ciao a tutti:
x Scalzomen: per quanto riguarda RS non sapevo che adesso vende anche ai privati; ricordo che fino a un paio di anni fa in ditta ci compravamo ma non ho potuto mai ordinare perchè era riservato ai possessori di partita IVA, pertanto ammetto di essere male informato:
X Digirunner: conosco i problemi legati alla ESR, alla frequenza di lavoro dei circuiti a commutazioni, la corrente max di ripple, la temp. di lavoro ecc, per cui è chiaro che in un circuito a frequenza elevata e "caldo" un condensatore "low ESR" è sicuramente più efficace e adeguato di un generico a 85°C e 120Hz; tuttavia posso attestare di averli sostituiti per mancanza di tempo e di disponibilità (i fornitori locali non brillano per disponibilità di scelta...) su una motherboard Asus (A7A266-V - anno 2003) di età paragonabile a quella di Doc che funziona ancora senza problemi. La considerazione era fatta solo per invitare comunque a sostituire questi condensatori esausti senza tirarla all'infinito, perchè comunque condensatori da 1000uF e 0,22ohm di ESR funzioneranno sempre meglio di condensatori, vecchi, esausti e gonfi certamente da sostituire.
Nulla di più. Per quanto mi riguarda credo di avere dato nei post relativi a questo discorso dei condensatori della motherboard di Doc il mio punto di vista, non difforme sostanzialmente da quanto esposto da altri e più certamente titolati amici del forum, e di aver potuto constatare che sono state date tutte le informazioni necessarie per effettuare questa semplice riparazione senza problemi. Non ho altri contributi utili su questo argomento.
Saluti a tutti my_bye.gif my_bye.gif

Inviato da: Gamon il Oct 12 2010, 06:59 PM
Se devo essere sincero, io ho sempre acquistato i SAMWHA (sia quelli azzurri 85°C che quelli marroni 105°C), e non ho mai avuto problemi.

Certo: anche loro non sono più i Samwha fatti in Giappone (quelli color ciclamino degli anni '70), che erano eccellenti... Ma sono dignitosi.

Inviato da: Doc il Oct 12 2010, 09:23 PM
alexton, io ho chiesto per l'appunto per capire cosa prendere per l'eventuale riparazione della mia scheda madre.

tempo fa chiedevo dove si possono comperare i componenti online (ho aperto una discussione apposita), e lì mi consigliavate kalcik, elettronica2000 o altri shop online. purtroppo come riscontrerai tu stesso in quei siti non si capisce proprio bene che marca e che caratteristiche di condensatori si vadano ad ordinare...o perlomeno io ho provato a capire e forse non ci riesco...
in rs o distrelect non ho ancora guardato bene, ma mi pare che oltre alla scelta della marca li si possa scegliere anche per le caratteristiche che ci interessano...

non tutti i condensatori sono identici, anche se con stessi valori di capacità...questo me lo avete fatto capire proprio qui...

purtroppo però in rs/distrelect mi pare (almeno questo lo sapevo qualche annetto fa, ora forse hanno cambiato) che si debba fare un minimo d'ordine, ed io non è che ci devo comperare componenti per poi fare colazione al mattino laugh.gif
sto anche provando a coinvolgere amici se han bisogno di qualcosa, così da fare un minimo d'ordine....ma non è così facile. capirai che prendere 10 condensatori dal costo irrisorio di qualche euro ed andarci a pagare più di 10 se non + euro di spedizione non è l'ideale...

Inviato da: Steve il Oct 13 2010, 07:29 AM
Dipende dai valori, ma puoi provare anche da Simone Belli, www.esco.it. Lui di solito ha gli ELNA, ma se lo chiedi espressamente ti sa dire che marca di elettrolitici ti invierà. Penso che abbia un minimo d'ordine di 15 euro per privati, ma spedisce anche per meno, chiaramente se non ci sono spese aggiuntive tipo contrassegno ecc..

Inviato da: digirunner il Oct 13 2010, 10:06 PM
Io li ho comperati, specifici per le mainboard, da "Luca Lavinci" http://www.lavinci.it/

my_bye.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 14 2010, 08:09 PM
QUOTE
cosa prendere per l'eventuale riparazione della mia scheda madre

Se puoi dovresti postare per *OGNI* elettrolitico che intendi sostituire le sigle stampate su di essi escludendo capacita', tensione, temperatura, questo per identificare marca e tipo, solo dopo e' possibile fornire i corretti equivalenti.
Oppure fai come ti e' stato detto, installa dei normali elettrolitici e pazienza se l'intero computer durera' di meno: elevata ESR significa che l'alternata residua invece di essere filtrata passera' allegramente attraverso il condensatore e finira' nel semiconduttore, il quale scaldera' maggiormente quindi l'affidabilita' generale diminuira'.

I casi peggiori sono:
- impossibile avviare il computer
- sistema instabile
- distruzione componenti passivi (induttanze, resistenze, bruciatura piste)
- distruzione semiconduttori

Purtroppo non sono in grado di stabilire di quanto si accorcera' la vita dell'intero pc rispetto all'utilizzo degli elettrolitici richiesti in origine. my_bye.gif

Inviato da: Doc il Oct 15 2010, 09:40 AM
QUOTE (alessioblaupunkt @ Oct 14 2010, 07:59 PM)
Se puoi dovresti postare per *OGNI* elettrolitico che intendi sostituire le sigle stampate su di essi escludendo capacita', tensione, temperatura, questo per identificare marca e tipo, solo dopo e' possibile fornire i corretti equivalenti.

1_my_roger.gif
per questo non ci son problemi, lo farò il prima possibile!


Inviato da: scalzomen il Oct 15 2010, 12:10 PM
chiedo ad alessioblaupunkt in particolare:

nelle schede madri sono richiesti questi tipi di condensatori. Ma in qule altre applicazioni è così importante l'ESR dei condensatori?

Io fino ad ora ho comprato elettrolitici senza pensarci e quindi li ho messi nelle poche riparazioni che ho fatto tutti uguali, che siano state tv, vcr decoder. Una sola volta ho riparato una MB e anche li li ho messi..poi ne vedremo l'esito.

Grazie.

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 16 2010, 11:27 AM
@scalzomen
In tutte le schede in cui si richiede di filtrare tensioni continue per sopprimere i residui di tensione alternata con frequenze comprese tra le centinaia di kHz e alcuni MHz. A questo scopo non e' possibile utilizzare condensatori non polarizzati di qualsiasi materiale perche' non sono adatti a filtrare le elevate correnti richieste in uscita.

Un tv o vcr decoder non richiede correnti elevate come nelle schede madri o negli alimentatori dei pc e, fattore altrettanto importante, non e' richiesto che vengano filtrate le armoniche a frequenza compresa tra le centinaia di kHz e i MHz (se esistono elettrolitici che filtrano MHz).

Quindi in un tv o vcr e' bene utilizzare elettrolitici con piccola ESR dove richiesto dal progetto sapendo che rispetto ad una MB agli elettrolitici si richiede di sopprimere solo armoniche di alcune decine di kHz, perche' per la vita utile dell'apparecchio e' trascurabile filtrare armoniche a frequenza superiore.

Detto questo, potrebbe sorgere la seguente domanda (a cui ho gia' parzialmente risposto in precedenza):
Allora perche' non si utilizzano elettrolitici a piccola ESR in ogni circuito?
In ogni campo le scelte progettuali devono scontrarsi con i limiti economici imposti e con l'affidabilita' che si richiede.

In un tv non e' immediato notare gli effetti dell'uso di un condensatore normale rispetto ad uno con piccola ESR perche' l'intero televisore lavora con correnti e frequenze relativamente inferiori rispetto a quelle di una MB.

Secondo il mio parere anche nelle saldatrici elettroniche e' necessario utilizzare elettrolitici con piccola ESR gia' nello stadio d'ingresso, cosa che non viene fatta per contenere i costi e proporre sul mercato articoli con il prezzo piu' basso sapendo che la loro vita utile sara' limitata a poche centinaia di ore in un anno.
L'effetto visibile in queste non e' la distruzione di componenti di potenza, i quali possono dissipare i residui di alternata sotto forma di calore, ma la distruzione di semiconduttori e stampati nei circuiti di controllo, perche' a monte non si e' provveduto a filtrare le armoniche indesiderate le quali non troveranno ostacoli nel cammino e finiranno nei semiconduttori.

QUOTE
Io fino ad ora ho comprato elettrolitici senza pensarci


Non deve sorprendere il fatto che anch'io fino "all'altro ieri" utilizzavo gli elettrolitici considerando solo i valori di capacita' e tensione.
Poi in testa ha iniziato a girarmi l'idea che una moltitudine di guasti che non capivo dovevano essere legati alle caratteristiche degli elettrolitici e al tipo di filtro richiesto nel circuito.
Cosi' ho scoperto il sito badcaps.net, ho consultato centinaia di datasheet di elettrolitici, ho letto decine di articoli scritti da ricercatori scientifici e costruttori di elettrolitici e alla fine ho tirato le mie conclusioni, che sono quasi tutte riassunto in questo post.

Per fortuna nelle mie (poche) riparazioni molto raramente erano richiesti elettrolitici "impegnativi" sotto il punto di vista delle prestazioni, cosi' mi hanno lasciato molto tempo prima di creare nuovamente problemi.


@ Doc
Per fare prima puoi postare il modello della scheda madre, poi cerchero' io per te su badcaps.net se qualcuno ha gia' eseguito un rinfresco di elettrolitici su quella specifica MB.
my_bye.gif

Inviato da: Doc il Oct 16 2010, 06:32 PM
allora i condensatori che dovrei sostituire hanno tutti la stesse sigle(del resto han tutti gli stessi valori):


GSC
LE 105°
T1NC

ce ne sono un paio di evidntemente gonfi, + un terzo leggermente gonfio.

in tutta la scheda conto un totale di 20 condensatori come queli guasti: che li cambio tutti poi?


la mia scheda madre è una VIA EPIA "P4XB-RA" wink[2].gif

vi allego una foto dove ho cerchiato in rosso i 3 condensatori guasti My_cool.gif

Inviato da: digirunner il Oct 16 2010, 09:04 PM
Se fate caso, nella foto, appena sopra il connettore di alimentazione, ci sono gli spazi VUOTI, per 3 condensatori elettrolitici.
Di solito sono in parallelo a quelli vicini, per motivi di costi (risparmio) ne montano in misura minima a sopportare il ripple di corrente prodotto dallo switching per una data corrente erogata (dipendente dal processore)

Bene, nelle mie motherboard "private" dopo essermi accertato del collegamento in parallelo con gli altri (perché in alcune schede madri gli spazi vuoti possono corrispondere ad altri alimentatori, nel caso mancano anche mosfet, induttore, diodo) ho messo i condensatori identici agli altri anche in questi spazi vuoti. Bene, dopo la "modifica" i condensatori, tutti, sono molto più "freschi" durante il funzionamento, e non l'ho verificato "al tatto" ma con i termometri a raggi infrarossi (ne ho ben tre, sono un pazzoide appassionato, fissato, collezionista di strumentazione, ci spendo delle cifre "da vergognarsi" rolleyes[2].gif )
Il massimo poi è aggiungere sul lato inferiore dello stampato, in parallelo a ciascun elettrolitico, un condensatore ceramico da 100nF (meglio ancora, per evitare l'instaurarsi di risonanze con l'induttanza parassita degli elettrolitici, mettere valori diversi, per esempio nel caso di 6 elettrolitici metterne 2 da 100nF, 2 da 47nF, 2 da 33nF o 22nF

Questi piccoli condensatori riescono molto bene a sopprimere il residuo di alta frequenza che passerebbe in parte al circuito alimentato e in parte "riscalderebbe" l'induttanza parassita del condensatore, facendo di fatto, riscaldare maggiormente il condensatore stesso.

Si nota che ho progettato alimentatori switching per 15 anni? wink[2].gif

NON mi pronuncio invece sulle marche dei condensatori "migliori"... per quanto ne so, i produttori sono veramente pochi, che producono per tutti, a grandi lotti, marcando come vuole il cliente, quindi due condensatori stessa marca, prodotti a distanza di tempo, NON è detto che siano costruiti dallo stesso produttore.

Ovviamente poi il "marchio" ha la sua importanza, con i condensatori Roederstein mai avuto problemi (parlo di anni fa, quando ancora mi occupavo di elettronica industriale) ma è difficile trovarli in prodotti consumer dry.gif

my_bye.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 16 2010, 11:40 PM
Ho trovato questi corrispondenti che un tizio afferma di aver installato nella sua MB ora perfettamente funzionante:

GSC serie LE 1500uf 6.3v e 1000uf 6.3V -> Nichicon serie HE 1000uf 6.3V
GSC serie LE 1500uf 16V -> Panasonic serie FC 1000uf 16V
GSC serie LE 3300uf 6.3V -> Nichicon serie HE 2700uf 6.3V

GSC si e' fusa con Evercon, cosi' non e' possibile risalire alle caratteristiche tecniche degli elettrolitici.
Evercon non e' raggiungibile, non ha un sito, probabilmente hanno cambiato ancora il nome o hanno ceduto l'attivita'. Trasparenza al 100%! blink.gif my_bye.gif

Inviato da: scalzomen il Oct 17 2010, 03:21 PM
Bene Alessio, le tue spiegazioni sono state molto chiare.

Giustamente un TV alla fine lavora con correnti e soprattutto frequenze inferiori a quelle di un PC quindi il problema può non presentarsi.

Grazie.

Inviato da: giuseppe74 il Oct 27 2010, 03:48 PM
Allego foto di un'altro alimentatore, sempre loro CapXon...

my_bye.gif

Inviato da: giuseppe74 il Oct 27 2010, 03:57 PM
Rivedendo la foto che ho postato prima è praticamente lo stesso modello di alimentatore. Il primo era della centralina d'allarme di mio cognato questo l'ho trovato buttato insieme ad un'altro affianco un'armadio rack di un cliente, dry.gif che porcate sono ..... alimentatori con vita programmata.... ph34r.gif

Inviato da: Gamon il Oct 27 2010, 07:10 PM
E' un alimentatore della "MEAN-WELL", vero??
Solitamente quel modello viene montato nelle centraline antifurto BENTEL, serie "KIO" e "NORMA".

Ho indovinato?!?

Inviato da: giuseppe74 il Oct 28 2010, 02:34 PM
QUOTE (Gamon @ Oct 27 2010, 07:00 PM)
E' un alimentatore della "MEAN-WELL", vero??
Solitamente quel modello viene montato nelle centraline antifurto BENTEL, serie "KIO" e "NORMA".

Ho indovinato?!?

Si 1_my_roger.gif sono centraline Bentel...

my_bye.gif

Inviato da: Doc il Oct 28 2010, 05:37 PM
e se nella mia vecchia scheda madre cambio i 3 condensatori guasti con quelli (di uguale valore) tolti dalla scheda guasta? (in pratica tolti dalla scheda in cui sto facendo pratica di dissaldatura)

gli unici problemi sono:
-non ho ancora la stazione saldante, e quindi dovrei fare il lavoro col mio stilo preso dal ferramenta...
-i condensatori tolti dalla scheda guasta hanno i pin corti corti...

Inviato da: alessioblaupunkt il Oct 30 2010, 09:20 AM
QUOTE
e se nella mia vecchia scheda madre cambio i 3 condensatori guasti con quelli (di uguale valore) tolti dalla scheda guasta? (in pratica tolti dalla scheda in cui sto facendo pratica di dissaldatura)

Vuoi mettere tre elettrolitici di recupero al posto dei tuoi 3 guasti.
Anche questa volta ti invito a postare la serie degli elettrolitici che intendi installare, accompagnata dal valore di tensione.
La lunghezza dei pin e' intenzionalmente ridotta per ridurre i disturbi.
Ricordati che un filo e' un'antenna (trasmittente e ricevente), irradia campo magnetico e riceve disturbi da altre linee. Inoltre maggiore e' la lunghezza della linea maggiori sono le perdite: perdite di filtraggio, ecc...

@ giuseppe74: specifiche dei CapXon GL 1000uF 25V:
misura 10x25, corrente di ripple 1580mA, impedenza 0.038ohm;
misura 13x25, corrente di ripple 1530mA, impedenza 0.039ohm.
CapXon testa la corrente a 105°C e 100kHz, l'impedenza a 20°C e 100kHz.
Panasonic FC eccedono rispetto a CapXon GL.

Inviato da: Gamon il Oct 30 2010, 03:18 PM
I pin corti non hanno importanza: tanto lo stampato è a facce multiple con fori metallizzati: anche se i terminali non arrivano dall'altro lato della scheda, la saldatura sarà ugualmente robusta.

Inviato da: Doc il Nov 13 2010, 02:45 AM
QUOTE (alessioblaupunkt @ Oct 30 2010, 09:10 AM)
Vuoi mettere tre elettrolitici di recupero al posto dei tuoi 3 guasti.
Anche questa volta ti invito a postare la serie degli elettrolitici che intendi installare, accompagnata dal valore di tensione.
La lunghezza dei pin e' intenzionalmente ridotta per ridurre i disturbi.
Ricordati che un filo e' un'antenna (trasmittente e ricevente), irradia campo magnetico e riceve disturbi da altre linee. Inoltre maggiore e' la lunghezza della linea maggiori sono le perdite: perdite di filtraggio, ecc...


l'idea sarebbe quella..anche se essendo recuperati da una vecchia scheda si corre il rischio di ritrovarli a breve guasti pure quelli...

comunque quelli che ho dissaldato sono dello stesso valore, ossia 1000uF 6,3 V

marca FUJICON, poi altre sigle che trovo stampigliate: 105°(M) TM

Inviato da: Gamon il Nov 14 2010, 01:34 PM
Non mi sono mai trovato male con i Fuji...

Anche se solitamente sulle motherboard dal mio ricambista ho sempre comperato gli Elna, e non mi hanno mai dato problemi.

Il trucco sta anche nel piegarli un po di lato per allontanarli il più possibile dalle fonti di calore.

Inviato da: fulper il Jan 19 2011, 02:14 PM
Ciao.

user posted image
user posted image
user posted image
user posted image

No comment..........

Inviato da: fulper il Jan 19 2011, 02:17 PM
Ciao.

user posted image
user posted image
user posted image
user posted image

Ri-no comment....... sad[2].gif

Inviato da: mistertv il Jan 19 2011, 02:35 PM
dov'era il guasto? laugh.gif

Inviato da: fulper il Jan 19 2011, 03:04 PM
Ciao Marco.

E che ne so ?
Penso ad un filo staccato... laugh.gif

Inviato da: alessioblaupunkt il Jan 19 2011, 08:55 PM
QUOTE
Penso ad un filo staccato...

Si e' come il post del televisore con un filo che va al tubo e uno all'altoparlante, ovviamente i due fili sono fase e neutro. (Quel post ha fatto storia, se trovo il link lo posto).

Inviato da: mar il Jan 19 2011, 09:06 PM
QUOTE (Steve @ Sep 2 2010, 10:37 PM)
Certo che si notano e in uno si vede anche la data 2008....cioè piuttosto recente...

ciao
in un tv lcd ho trovato tutti questi tipi di condensatori gonfi,ma la tv funziona solo parzialmente

Inviato da: mistertv il Jan 19 2011, 11:26 PM
io li lascerei stare li buoni buoni, fino al prossimo 31 dicembre; poi una mezzora prima di mezzanotte lo accenderei e al countdown sai che botto......................

Inviato da: alessioblaupunkt il Jan 20 2011, 08:16 AM
QUOTE
in un tv lcd ho trovato tutti questi tipi di condensatori gonfi,ma la tv funziona solo parzialmente

E se hanno la testa aperta hai gia' respirato le salutari fragranze contenute al loro interno, che generosamente hanno esalato e sono inevitabilmete finite nei tuoi polmoni.

Lunga vita a te. blink.gif

Inviato da: Termoelettronico il Apr 25 2011, 03:20 PM
QUOTE (smemail @ Oct 5 2010, 08:36 AM)
leggo solo ora questo post e rimango senza parole visto che stavo acquistando proprio sti condensatori qua!
Praticamente bisogna usare solo ELNA da quel che leggo....... eppure ne ho visti tanti di elna gonfi o secchi!!! sad[2].gif


Non tutti i produttori sono esenti da prodotti non riusciti bene.

Guarda questo

http://img857.imageshack.us/i/pdr555rwfaultycapacitor.jpg/

Uploaded with http://imageshack.us

praticamente ci ho messo due giorni di lavoro per capire quali piazzole l'elettrolita fuoriuscito mi ha corroso interrompendo il passaggio del segnale fra lato componenti e saldature.

Altro apparecchio di un amico con lo stesso condensatore ELNA difettoso.

Saluti
Vittorio

Inviato da: alessioblaupunkt il Apr 25 2011, 09:17 PM
QUOTE
Non tutti i produttori sono esenti da prodotti non riusciti bene

Nessun produttore e' infallibile, lo studio il progetto e i materiali sono le tre chiavi per avere affidabilita'.

QUOTE
l'elettrolita fuoriuscito

Nella foto, almeno io, riesco a vedere la crosta marrone tipica degli elettrolitici che perdono dalla guarnizione da lungo tempo.


Inviato da: Spook65 il Apr 28 2011, 10:08 AM
Niente di nuovo, é risaputo che i Megacondensatori (o Condensatori di Back-up) soffrono di incontinenza sbrodolona..

Mi sa che da tempo i progettisti sono tutti passati a memorie che non richiedono alimentazione tampone, o a batterie Litio.

Inviato da: giuseppe74 il Nov 19 2011, 11:03 PM
Aggiungo un'altro condensatore incontinente che si trovava nella sezione di alimentazione in un lettore DVX della Majestic.

Inviato da: Steve il Nov 20 2011, 02:25 PM
anche i Daewoo sono sospetti...anche se ormai, con queste schifezze cinesi, rischiano di diventare degli Sprague....

Inviato da: alessioblaupunkt il Nov 20 2011, 08:58 PM
Vedendo la foto postata da Giuseppe74 mi vengono delle domande.

A parte la marca scritta coi geroglifici ( JAYE ? ), le altre scritte hanno lo stesso stile e la stessa disposizione dei CapXon. Che sia una sottomarca dei CapXon?
Indagherò su chi è JAYE.

Mentre sono stato lontano da questo forum durante questi mesi, ho potuto fare esperimenti direttamente sul mio tv Blaupunkt dell'87.
Sto utilizzando solo elettrolitici con bassissima esr, marche Suncon, Sanyo OS-CON, nichicon.
Avevo provato ad utilizzare nel secondario dell'alimentazione 3 normalissimi YAGEO SEK 47uF 250V al posto dei 3 originali ROE EGD 47uF 250V, in particolare 1 sta sulla linea B+.
Ebbene dopo averli sostituiti ho fatto tutte le tarature del caso comprese B+, UG2 e messa a fuoco.
Ho provato per settimane il tv coi 3 Yageo SEK, e devo dire che il televisore tendeva evidentemente ad avere problemi con la tensione di griglia ( con l'andare delle ore ) in quanto si vedeva il bordo rosso sul lato destro di quasi tutte le figure contornate.
Prima di rimettere i ROE (Roedestein) li ho misurati con un misuratore di esr che ho autocostruito, non mi indica il reale valore dell'esr ma mi fornisce un valore "qualitativo" che mi permette di capire se posso utilizzarlo. Con l'autocostruito ho testato circa 200 elettrolitici diversi, nuovi e vecchi, e ho scritto una tabella sulla carta che un giorno dovro' decidermi a pubblicare da qualche parte.

Ebbene i 3 ROE alla misura mi fornivano il valore 0.082 ( ripeto non è il vero valore di ESR )

Ho tolto e misurato i 3 YAGEO: il display segnalava 0.226 cioe' 2.75 volte l'ESR dei ROE!!! blink.gif

Ho immediatemente messo da parte i 3 YAGEO SEK, che magari potranno pure essere buoni, sicuramente non per alimentatori switching che richiedono elettrolitici con piccola ESR.
Ho rimontato i 3 ROE originali, tarato nuovamente B+, UG2 e messa a fuoco, ora l'immagine è sempre perfetta, anche dopo ore e ore, segno che la UG2 non varia.
Questa è la morale: la UG2, e la messa a fuoco, vengono generate dal trasformatore di riga partendo dalla B+, se la B+ viene filtrata con filtri che NON filtrano, UG2 e messa a fuoco saranno sempre scadenti.

Ho acquistato per prova, diversi elettrolitici con la medesima capacità, cioè 47uF, del tipo a bassa ESR, ebbene di 4 marche diverse nessuna riesce a far meglio dei ROE, al massimo ho misurato 0.108 che è maggiore di 0.082, quindi se un giorno dovessi veramente cambiare i ROE al momento troverei solo componenti tecnicamente "inferiori".
E' un chiaro segno di come 24 anni fa si sapevano costruire componenti di qualità.

P.S. Non etichetto il marchio YAGEO come spazzatura, infatti le serie SC e SY promettono quello che sta scritto nella documentazione YAGEO, cioè sono elettrolitici a bassa ESR.
Purtroppo quando avevo bisogno dei 3 elettrolitici da 250V non avevo ancora costruito lo strumento e sapevo che stavo prendendo la serie SEK cioè gli elettrolitici "normali".
Solo dopo averli montati mi sono accorto effettivamente quanto sia importante l'ESR, nonostante si tratti di un vetusto tv crt!
In ogni caso oggi oltre i 100V è difficile trovare elettrolitici a bassa ESR.
Eppure ROE un tempo li produceva.

Quindi questa è la risposta pratica che un anno fa avrei dovuto dare a scalzomen proprio in questo post, ovvero gli elettrolitici con bassa ESR sono importanti, soprattutto dove l'occhio VEDE.
Il risultato finale è l'immagine nel trc.
Mi sono fatto dare i dati dei ROE ed è saltato fuori che la loro ESR veniva testata a 10kHz e non a 100kHz come ho fatto io e come testano oggi tutti i costruttori di elettrolitici.
Rimane il fatto che un'ottima immagine richiede ottimi componenti e un'ottima messa a punto. my_bye.gif

Inviato da: giacomo004 il Nov 23 2011, 11:57 PM
Altre 2 marche di condensatori, trovati dentro un lettore dvd s*msung, pronti ad entrare in orbita:

SAM YOUNG

SAMXON

Ps: il lettore e' stato venduto meno di 2 anni fa.


Inviato da: Franzisco il Dec 17 2011, 11:28 AM
QUOTE
Praticamente mettono un "timer" sulla vita dell'apparecchiatura, si da esser certi che si guasti poco dopo la scadenza della garanzia, con la certezza di "rivenderla a breve"


Ma non era diventato milionario quel tipo che si era "inventato" un tostapane che durava esattamente 100 ore di funzionamento ? wink[2].gif

Franzisco

Inviato da: giuseppe74 il Feb 2 2012, 10:48 PM
Eccone un'altro, l'ho trovato ieri in un UPS. Non so se nella foto si nota ma la testa è gonfia.

my_bye.gif

Inviato da: SA 9900 il Feb 4 2012, 01:11 PM
Proprio ieri ne ho sostituiti alcuni TEAPO su un dtt con altri di marca SAMXON dati dal rifornitore ..e me ne hanno regalati altri marca CHANG..che pero' ho subito scartato.

Inviato da: irix64 il Oct 29 2013, 03:54 PM
Notare anche la disposizione dei condensatori elettrolitici vicino ad alette di raffreddamento o a resistenze di potenza: spesso sono li' vicini NON per esigenze del poco spazio, ma per precise direttive date ai progettisti di mettere in produzione apparecchi "auto distruggenti", con la vita autolimitata. Si tratta della ben conosciuta Obsolescenza Programmata, inventata gia' 100 anni fa per dare mercato alle lampadine ad incandescenza, costruite male volutamente per assicurare una vita di sole 1000 ore.

Inviato da: scalzomen il Oct 30 2013, 01:12 PM
Bene Alex, allora abbiamo (hai) ribaltato anche che condensatori con basso ESR non servono nelle TV.

Ciao

Inviato da: giacomo004 il May 6 2015, 04:31 PM
Tanto per la cronaca, scheda di una lavatrice aris*on, nessuna tensione in uscita... TUTTI i condensatori erano CAPXON... E neanche gonfi.
Sostituiti, senza fare altro, i condensatori, la scheda ha ripreso a fare il suo lavoro. blink.gif


Inviato da: giacomo004 il Sep 18 2017, 10:49 AM
SAMWHA

L'elettrolita fuoriuscito ha corroso un pin che si e' staccato....

Inviato da: alessioblaupunkt il Sep 19 2017, 08:39 PM
Anch'io trovai in un alimentatore un elettrolitico 400V di altra marca di pari qualità
col terminale corroso.

Anni fa in un Sony crt del '91 trovai nella sezione audio dei Nichicon (marca seria)
che avevano perso l'elettrolita corrodendo le piste per un'area di 4 cm quadri.
Mai visto niente del genere. Parlando dei gusti del proprietario
ho poi scoperto che gli piaceva spesso ascoltare musica ad alto volume col tv,
motivo per cui i condensatori non hanno più retto.

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)
© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)