Versione stampabile della discussione
Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale
riparatore > Apparecchi d' Epoca > Consigli per chi inizia


Inviato da: danovagius il Jul 4 2012, 09:11 PM
Questa nuova dscussione vuole essere un aiuto a tutte le persone che iniziano a metter mano su apparecchi d'epoca.

Chiedo anzi ai moderatori se possibile inserirla tra le discussioni in rilievo.

Dunque, quando ho iniziato a "giocare" con le valvole avevo circa 12 anni e stiamo parlando del 1986, non c' era internet, non c'erano forum di appassionati, non c'era alcun modo di recuperare informazioni e di imparare questo fantastico mondo se non grazie alla volontà di qualche riparatore della mia città che aveva voglia di avere (o forse solo mi sopportava??) un ragazzino desideroso di imaparare tra i piedi, e allora ricordo che in quel cortile a ringhiera su cui si affacciava il retro-bottega del "signore riparatore" io smontavo e recuperavo telai di quegli ultimi tv valvolari che andavano al macero, guardavo, mi interrogavo e poi chiedevo e cercavo di capire.
Il più delle volte si mettevano insieme nozioni buttate li sul banco del riparatore ed esperienze personali fatte in casa, tra telai mezzi rotti e smontati, si costruiva, si assemblava, si rimontava, si sbagliava, si smontava, si rifaceva e ogni tanto qualche vecchio elettrolitico scoppiava, finchè le mamma in quei pomeriggi estivi ti faceva sbaraccare perchè....ALLORA DOBBIAMO APPARECCHIARE VIA QUELLA ROBA.

Avessi avuto internet allora, come sarebbe stato più semplice, però forse oggi non avrei quel prezioso bagaglio tecnico che mi aiuta quotidianamente anche in campo professionale.

Bhè, nell'estate del 1988 a soli 2 anni da quando presi in mano la prima valvola, ricordo una 6v6, realizzai il mio primo TV bianco nero funzionante seguendo, riadattando, modificando un pò a caso lo schema di un Condor preso dal Rostro 1956.

Oggi esiste internet, esiste questo fantastico forum ricco di preziose informazioni, frequentato da tecnici validissimi e nonostante tutto mi trovo quasi ogni giorno a leggere post del tipo, "ciao ho questo apparecchio non funziona che devo fare?"

Dunque nessuno è nato imparato cone si dice...ma mi chiedo, possibile che abbiamo detto almeno 1000 volte che il primo approccio su un apparecchio che ha 40-50-60-70 sulle spalle è quello di SOSTITUIRE LE CAPACITA e ancora c'è chi ha dubbi?

Possibile che nessuno dei nuovi interessati alla materia abbia mai letto post passati?

Rimettere in funzione questi apparecchi non vuol dire ripararli, significa restaurarli, l'approccio non è lo stesso di una comune riparazione.

Avete uno splendido strumento Internet, i forum tecnici sulla tecologia valvolare abbondano e le linee guida sono sempre le stasse ripetute allo sfinimento, imparate ad andare a leggervi i vecchi post sono una fonte preziosa di esperienze, informazioni e conoscienze.

Non si può esordire con "non mi va la radio che cosa posso guardare?"

Altra cosa molto importante, lavorare con le valvole senza sapere cosa si sta facendo significa esporsi a rischio di pericolose scosse elettriche, occhio a cosa si fa.

Sempre a disposizione.

Giuseppe

Inviato da: 7x3 il Jul 4 2012, 11:53 PM
QUOTE (danovagius @ Jul 4 2012, 10:01 PM)

Non si può esordire con "non mi va la radio che cosa posso guardare?"



Giuseppe

1_my_roger.gif io rimarco solo questa frase, perchè è bellissima.

Ma tutto il messaggio è centrato.

1_my_roger.gif 1_my_roger.gif

Inviato da: ezio 44 il Jul 5 2012, 06:47 AM
Ciao Giuseppe
Parole sante

Purtroppo molti pensano che restaurare un apparecchio sia una cosa semplicissima spesso mi richiedono informazioni come fare a risolvere certi problemi tecnici da gente che non distingue una valvola da una spina a cui consiglio prima di farsi male, di leggere qualche libro che tratta questi problemi .
Cerco sempre di mettere in evidenza i rischi in cui vanno incontro maneggiando apparecchi ove a volte sono presenti tensioni MOLTO PERICOLOSE che mettono a rischio la propria incolumità.Ritornando alle tue prime esperienze dal riparatore di radio TV mi hai ricordato le mie prime esperienze nel laboratorio di mio zio in cui ho imparato i mie primi rudimenti del mestiere ,le mie prime esperienze di COSTRUTTORE risalgono alla fine degli anni cinquanta a circa 14 anni quando riusci a costruire da una setrie di rottami un trasmettitore in onde corte che ancora conservo che collegato ad un giradischi avevo costruito la mia radio privata .Allego due foto di questo rudere lettralmente costruito di rottami notare la bobina ed il trasformatore avvolti a mano mentre il microfono T17 di provenienza militare con inserito una capsula Geloso 409 al posto della sua originale a carbone.

Ezio

Inviato da: ezio 44 il Jul 5 2012, 06:53 AM
Ecco la seconda foto

Ezio

Inviato da: Peppe50RP1 il Jul 5 2012, 05:42 PM
ohmy[2].gif Concordo in pieno con quanto detto, secondo me è un pò il volere "tutto subito", senza neanche considerare di leggere o almeno guardare un libro di radiotecnica...
e capire a grandi linee come funziona una radio, è abbastanza deludente dover spesso ricominciare a spiegare le basi da capo....a persone che NON si rendono conto dei pericoli che potrebbero trovare...un saluto a tutti my_bye.gif

Inviato da: Giulio Maiocco il Jul 5 2012, 08:19 PM
Ciao, anche io non posso che concordare pienamente con Giuseppe e con gli amici del forum, è semplicemente impensabile di avere un apparecchio di 50 o più anni funzionante con tutti i suoi componenti originali, specie le capacità.

Mentre sulle radio forse si riesce ancora ad ottenere qualcosa, con i TV, mi spiace, è impossibile, in quanto sono apparecchi molto più esigenti e ogni minima perdita crea problemi. Basta considerare poi le tensioni in gioco e se si ha un minimo di intelligenza, ci si rende conto che a mantenere i condensatori originali si sta giocando alla roulette russa e prima o poi qualcosa di spiacevole capita, è solo questione di tempo affinchè questi componenti si lascino andare in modo definitivo, spesso con conseguenze nefaste.

Ma non è che rimpiazzare le capacità sia la ricetta magica per fare resuscitare un apparecchio nel 100% dei casi, qualche volta capita che sia necessario sostituire alcuni resistori o sia necessaria una qualche taratura (vedesi il tipico circuito di oscillatore orizzontale sui TV Geloso), ma certamente aiuta immensamente la "vita" e la diagnosi quando si hanno capacità nuove e sicuramente efficienti installate nel circuito. Una volta arrivati a questo livello, non c'è nulla di male a fare domande ai più "esperti", anzi, ma per cortesia arrivate almeno a questo punto "base"!

Ciao

Giulio

Inviato da: bacanaz il Jul 9 2012, 03:41 PM
Ciao a tutti,
consiglio a quelli che vogliono iniziare a fare riparazioni su apparecchi d'epoca di leggersi questo favoloso manuale:

http://www.introni.it/pdf/Radio%20Riparazioni%2015a%20ed%201973.pdf


contiene molte informazioni, sia di tipo teorico, che pratico; inoltre è bene avere un po' di attrezzatura adeguata:
-attrezzi vari ( cacciaviti, pinze, forbici da elettricista )
-tester ( consiglio di procurarsene sia uno digitale, sia uno analogico )
-un po' di minuteria, cavi elettrici ( di recupero va sempre bene)
-carta e penna, da non sottovalutare, è utilissima per fare schemi di collegamento, assemblaggio, quando si comincia a disassemblare l'apparecchio, per poi ricordarsi i collegamenti, assemblaggi...etc....

Ricordo che per esperienza personale che la prima riparazione la si esegue con gli occhi, guardando attentamente il circuito si possono notare componenti danneggiati, fili staccati, saldature fredde, tutte cose che possono ostacolare la nostra riparazione.

un saluto a tutti

Inviato da: radio-54 il Oct 29 2012, 05:05 PM
vedo con tantissimo piacere dei pezzi di ferro con i valvoloni.

questa è la mia moderna ri-realizzazione di un tx onde medie di quando ero ragazzo:

42 finale rf e 6SN7 modulatrice di schermo.

amarcord...

Inviato da: radio-54 il Oct 29 2012, 05:09 PM
padron

il lato componenti


antonio

Inviato da: nicca pila il May 31 2016, 10:23 PM
bei ricordi! smile0.gif my_bye.gif

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)
© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)