Versione stampabile della discussione
Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale
riparatore > Apparecchi d' Epoca > Restauro magnetofono Geloso G268


Inviato da: Davide Fabrici il Mar 6 2011, 07:11 PM
Ciao a tutti ragazzi,
ho recuperato finalmente (dopo mesi di insistenti richieste... tonguebella.gif ) il Geloso che era di mio nonno (che purtroppo non ho mai incontrato). Si tratta di un G268 Alta fedeltà prodotto, come da tagliandino Geloso, il 27/11/1962.
E' un po'malridotto, quindi ho intenzione di restaurarlo di meccanica, elettronica ed estetica.
Le foto arriveranno domani, per mancanza della macchinetta.
Spero in un vostro aiuto e altrettanto spero di allietarvi con questo mio primo restauro integrale (non siate troppo severi... My_Sorriso.gif ph34r.gif ) che ho deciso di condividere con voi.

Un saluto,
sperando che vi interessi,
Davide Fabrici thanx.gif

Inviato da: colortube mania il Mar 6 2011, 07:24 PM
Ciao guarda qui vedi se intanto ti può far comodo:
http://members.forumgratis.com/index.php?mforum=riparatore&showtopic=26132

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 6 2011, 07:45 PM
Ti ringrazio per il celerissimo aiuto, anche se avevo già letto la discussione in merito e mi sono anche scaricato il bollettino n°81, in cui si parla proprio del G268.

thanx.gif

Davide Fabrici

P.S: speriamo di farlo partire! E'fermo da oltre 20 anni! 1_my_roger.gif

Inviato da: danovagius il Mar 6 2011, 08:00 PM
Vai tranquillo, se il tuo Geloso non è stato mai manomesso ripartirà di sicuro, segui le istruzioni di quel vecchio post e tienici informati.

Inviato da: Jimmyhaflinger il Mar 6 2011, 08:22 PM
penso che tu sappia gia' che accenderlo senza prima aver controllato le condizioni degli elettrolitici, del ponte raddrizzatore ecc. e' un grosso rischio... questi componenti se sono difettosi sono in grado di bruciare il trasformatore di alimentazione nel giro di pochi secondi.

altra cosa, non ricordo se questo registratore aveva i condensatori antidisturbo tra l'ingresso della 220 e la massa, se ci sono eliminali o cambiali subito con equivalenti moderni, perche' una loro dispersione puo' mettere sotto tensione di rete il telaio e darti la scossa appena tocchi una parte metallica.

Io devo avere ancora l'altoparlante di uno di questi registratori, perche' anni fa' ne smontai uno che aveva il mobiletto fracassato, il telaio invece lo ho gia' dato via.

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 9 2011, 12:32 AM
Ciao a tutti, mi scuso innanzitutto per il ritardo nelle foto...
Comunque ecco il malato!

user posted image

user posted image

user posted image

Tutte queste foto si intendono appena tirato fuori dall'involucro (dopo 20 anni abbondanti di fermo).

A breve con la 2° tornata

Ciao,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 9 2011, 12:34 AM
2° tornata!

user posted image

user posted image

Parte inferiore disfatta dall'ossido (galleria degli orrori!)

user posted image

Prossima puntata a minuti!

Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 9 2011, 12:38 AM
Le prossime a domani (così mantengo un po' viva l'attenzione!) tonguebella.gif

Una domanda: le targhette del contametri e delle scritte "RITORNO ASCOLTO FERMO REGISTR." si sono staccate, con che colla mi consigliate di riattaccarle? Attak, Bostik, UHU o cosa?

Ciao,
attendo commenti
Davide

Inviato da: matt90 il Mar 9 2011, 08:28 PM
ciao. io mi sono sempre trovato bene con il bostik (attenzione alle sbavature...), ma per curiosità i cavi del trasformatore di alimentazione sono di gomma (secca) oppure di stoffa? my_bye.gif

Inviato da: danovagius il Mar 9 2011, 10:15 PM
Vero! Infatti anche io non ho mai visto sul 268 i cavi del trasfo in tela...

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 9 2011, 10:47 PM
Ciao a tutti, confermo che i cavi sono in gomma secca e mangiata dall'ossido (fuoriuscito da dove?)
Comunque, ecco alcune foto ed una domanda:
come sostituire i raddrizzatori al selenio? Ed ancora prima, come testare se sono ancora efficienti?

Altre foto:

una macro sul "disastro":

user posted image

La meccanica, in foto viene meglio di come è in realtà. La leva dell'avanzamento veloce il motore e la tastiera sono completamente bloccati.

user posted image

user posted image

user posted image

Ciao e grazie,
Davide

Inviato da: Jimmyhaflinger il Mar 10 2011, 10:17 PM
Certi tipi di fili isolati in gomma marciscono per conto loro con l'invecchiamento e marcendo creano composti corrosivi che nel tuo caso hanno fatto arrugginire il metallo.

Se i fili del trasformatore sono ridotti in quel modo non sognarti nemmeno di dargli corrente prima di averli sostituiti (se possibile) oppure snudati, trattati col CRC 666 per bloccare l'ossidazione, e reisolati con la guaina termorestringente,
Se dai corrente in queste condizioni rischi un ventaglio di disastri, dal trasformatore che va' in fumo alle scosse.

Io di solito per eliminare il rischio dovuto ai raddrizzatori al selenio in corto, metto in serie ad uno dei due fili in arrivo dal trasformatore un fusibile da 150-200mA, in questo modo se il raddrizzatore e' OK si puo' lasciarlo al suo posto e usarlo, se e' in corto o ci va' durante l'uso, il fusibile salta e il trasformatore sopravvive.

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 11 2011, 03:13 PM
Sto iniziando ad informarmi per trovare i componenti giusti e più rispettosi dello stile dell'apparecchio.
Mi sarei orientato (per i condensatori) sui Mallory 150 assiali. Che ne dite?
Poi, più importante: avete mai acquistato da Mouser electronics? Sembra abbiano tutti i componenti di sto mondo, e pare una società seria...

Ciao,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 14 2011, 11:33 PM
Nessuno che abbia acquistato da loro?
Comunque ho terminato la meccanica, foto al più presto.

Ciao,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 23 2011, 04:21 PM
Rieccomi... appena tornato da una settimana di gita a Firenze!
In attesa di caricare le foto della mecanica, avrei una richiesta:
poichè i cavi del trasformatore sono in uno stato a dir poco pietoso, fino addirittura all'interno dello stesso, vi chiederei un consiglio: posso tagliare (in modo discreto) la carta di copertura del trasfo e toglierla in modo da accedere alle varie uscite del secondario ed entrate del primario per poi stagnare direttamente un nuovo cavo al rame del traformatore, togliendo del tutto quello vecchio? Poi rimonterei ovviamente la carta originale, magari riunendola con del nastro adesivo trasparente.

Grazie, Davide

Inviato da: bacanaz il Mar 23 2011, 05:38 PM
QUOTE (Davide Fabrici @ Mar 23 2011, 04:11 PM)
Rieccomi... appena tornato da una settimana di gita a Firenze!
In attesa di caricare le foto della mecanica, avrei una richiesta:
poichè i cavi del trasformatore sono in uno stato a dir poco pietoso, fino addirittura all'interno dello stesso, vi chiederei un consiglio: posso tagliare (in modo discreto) la carta di copertura del trasfo e toglierla in modo da accedere alle varie uscite del secondario ed entrate del primario per poi stagnare direttamente un nuovo cavo al rame del traformatore, togliendo del tutto quello vecchio? Poi rimonterei ovviamente la carta originale, magari riunendola con del nastro adesivo trasparente.

Grazie, Davide

potresti fare una foto del trasfo? così vediamo il da farsi

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 24 2011, 02:02 PM
Certo,nessun problema. Qui mostro i due lati del trasfo, lo stato dei due cavi tolti (sono tutti così...).

user posted image

user posted image

user posted image

user posted image

Sinceramente, non so come abbiano fatto a ridursi così...

Ciao,
Davide


Inviato da: bacanaz il Mar 24 2011, 06:23 PM
io proverei a tagliare con un taglierino la carta nera dell'avvolgimento del trasfo e vedere se si vedono le saldature

Inviato da: Gamon il Mar 24 2011, 07:36 PM
Ciao!

Purtroppo questi tipi di gomma usata nei cavi, resiste a tutto TRANNE che alla MUFFA... Ho visto un mare di autoradio ridotte così o peggio.

Sinceramente dubito parecchio che aprendo la prima carta esterna si possano raggiungere le saldature dell'avvolgimento.

Il mio consiglio è di recuperare il filo, togliendo tutta la gomma marcia, e calzandolo in uno Sterling o in un termorestringente.

Quello che resta sotto la carta, lo AFFOGHI nella vernice anti-corona per EHT.

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 25 2011, 05:06 PM
Ciao a tutti, avrei una piccola richiesta: sapete mica i valori in ohm che si devono trovare alle entrate delle varie tensioni del trasfo?

Sono misurate tra l'entrata "0" ed i vari voltaggi.

Grazie,
Davide

Inviato da: Gamon il Mar 25 2011, 05:57 PM
Ciao!

La misura in Ohm dell'avvolgimento di un trasformatore, lascia un pochino il tempo che trova... Perchè è sufficiente una minima differenza sulla tolleranza del diametro del filo, per trovare una consistente differenza di resistenza.

Comunque ho fatto una misura al volo sul mio esemplare (già restaurato) ed ho misurato:

- 220V: 150 Ohm
- 160V: 90 Ohm
- 125V: 65 Ohm
- 110V: 50 Ohm

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 26 2011, 02:30 PM
Ottimo, grazie. Il fatto è che nel mio tali valori (a parte i 110V) sono fuori da ogni grazia divina. Eccoli:

110V: 46 ohm
125V: 426 ohm
160V: 1201 ohm
220V: 1298 ohm

Che sta succedendo??

Ciao,
Davide

Inviato da: matt90 il Mar 26 2011, 08:13 PM
beh di solito sui trasformatori il problema è il corto circuito degli avvolgimenti, quindi credo che i tuoi valori siano sfalsati dal fatto che i fili tra cui hai misuarato i dati siano ossidati nel punto di contatto con i puntali del tester! tienici aggiornati!

Inviato da: mos il Mar 26 2011, 10:35 PM
ciao per i fili deteriorati del trasformatore nel mio caso ho tagliato i fili vecchi lasciando uno spezzone di 3/4 cm ho stagnato il pezzo di filo nuovo e ho ricoperto la saldatura e il filo ormai scoperto cercando di infilare il tubetto dentro la carta del trasformatore, questo per tutti i fili poi li ho tenuti un po distanziati e ho fatto colare un po di cera nelle fessure della carta del trasformatere per fissare il tutto.
Spero che ti sia di aiuto. my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 27 2011, 12:05 AM
Ciao ragazzi! Mi sono accorto di aver omesso una info. Non possono essere ossidati poichè ho già provveduto a ricablare il trasfo!
A breve foto.

Grazie,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 28 2011, 09:39 AM
Ciao

Spero vivamente di sbagliarmi, ma con letture ohmiche così alte, i fili rimpiazzati e supponendo naturalmente che lo stagno abbia "preso" bene sui vecchi fili o sugli stessi fili smaltati, credo che troverai parecchi punti dell'avvolgimento stesso con il "verderame" dovuto a corrosione e umidità. Dando tensione d'alimentazione nominale in questo scenario potrebbe far aprire definitivamente il trasformatore.

Perdonate l'ignoranza, specie se considerate che faccio parte dell'assistenza Geloso, ma quel trasformatore è originale della macchina? Altrimenti potrebbe essere che qualche buontempone all'epoca lo abbia sostituito con un qualcosa di vagamente simile per fare funzionare grosso modo il magnetofono. Lo stesso rimango della mia prima idea (corrosione), visto che occorrerebbero migliaia di spire di filo sottilissimo per avere una lettura ohmica alta così, filo che non ci starebbe nella finestra del trasformatore

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 28 2011, 02:39 PM
Ciao Giulio,
purtroppo immaginavo anch'io qualcosa sul genere ossidazione.
Purtroppo, però non saprei come risolverlo, se non riavvolgendo il trasfo (con costi elevatissimi). Confermo che è l'originale, come si evince dalla copertura esterna (non manomessa) con il codice 10320 che è il suo (vedi schema elettrico).
Qualcuno ne ha uno di ricambio in buone condizioni? (anche da ricablare) Se no cosa pensate di fare?

Grazie,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 28 2011, 04:20 PM
Ciao Davide,

Se vuoi, l'attrezzatura per ribobinare ce l'ho, lascerei a tuo carico il costo della spedizione nei 2 sensi, al resto ci penso io, che ne dici?

Altrimenti non so quanto sia semplice reperire un ricambio originale e non tralascerei che anche l'eventuale ricambio possa avere subito la stessa sorte

Ciao

Giulio

Inviato da: Gamon il Mar 28 2011, 04:55 PM
Mi spiace: come trasformatore ho solo quello del G-256.

Senti, se vuoi tentare il tutto per tutto, prova ad inzuppare la carta con abbondante spry isolante per EHT e lascia asciugare bene.

O la va, o tanto è comunque da riavvolgere.

Per Giulio...

Quand'è che ci vediamo per riavvolgere il mio trafo dell'oscilloscopio?


Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 28 2011, 05:02 PM
Ciao Gabriele, tutto bene?

Purtroppo al momento non ho in programma viaggi in Lombardia, ci potrebbe essere una microscopica possibilità se vado in visita ad un amico a Brescia, nulla di più, ahimè sad[2].gif .Se mai dovessi essere a maggio a Marzaglia, magari ci si può trovare lì, di modo che possa avere il trasformatore da riavvolgere e una volta fatto, te lo posso spedire senza problemi...

Giulio

Inviato da: Gamon il Mar 28 2011, 06:46 PM
Sai che giorno sarà Marzaglia? Mi tengo libero.

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 28 2011, 08:10 PM
Ciao ragazzi, come va?
@Giulio: cioè, mi faresti il lavoro gratis (a parte le s.s a mio carico)?! Se sì, ti faccio i miei complimenti per la generosità!! thanx.gif
Ho però qualche domanda (non avendo mai riavvolto nulla....): le uscite, ovvero la loro posizione fisica sul trasfo rimangono uguali?

Un grande grazie anche a tutti gli altri benefattori che mi aiutano. thanx.gif

Grazie,
con stima,
Davide Fabrici

P.S: di dove sei? Ne parlo a mio padre, magari te lo spedisco.

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 28 2011, 08:43 PM
Ciao

Gabriele: Sai che non ho la più vaga idea della data di Marzaglia?! Avevo letto da qualche parte il 7 maggio, ma secondo la tradizione della fiera, che la vuole il 2° sabato del mese e il gentile intervento di Bacanaz, c'è qualcosa che ovviamente non quadra.... Ma il problema maggiore mi deriva dal fatto che il mio amico abbia o meno voglia e/o possibilità di farsi tutti quei Km, come ho detto sul forum già diverse volte, adoro i mezzi d'epoca, ma se faccio 10Km all'anno alla guida sono già parecchi, e naturalmente solo su questi, detesto servosterzo e servofreno, W i freni a tamburo

Davide: Tutto bene, per quanto mi riguarda, grazie! Sì, per il trasformatore hai capito perfettamente ciò che ti volevo proporre, questo dovrebbe essere abbastanza una stupidaggine da riavvolgere, quindi mi fa piacere poterti essere d'aiuto.

Sì. le uscite rimarrebbero fisicamente dove sono ora, unica cosa che probabilmente dovrò deviare dall'originale è nell'impiego di classici cavetti isolati in PVC (rispettando naturalmente i colori dei vari conduttori), in quanto ho sì accesso a cavetti isolati in gomma siliconica, ma mancano parecchi dei colori necessari e non riesco a reperirli.

Il lavoro non è altro che smontare tutti i lamierini, cercare di salvare il cartoncino nero con il numeretto del modello, sbobinare il tutto contanto i numeri di spire di ogni avvolgimento con il relativo diametro dei fili smaltati, segnarsi accuratamente dove va ogni uscita, tagliare e forare un'anima di legno delle esatte dimensioni del cartoccio, ritagliarsi i fogli di carta isolante e divertirsi a riavvolgere il tutto una volta montato sulla bobinatrice e regolato quest'ultima in base ai diametri di filo, non è troppo complicato, vero?

Scherzi a parte, una volta presa dimestichezza, è più lungo descrivere il processo (che è realmente quello che ho elencato, forse ho pure saltato qualche passaggio) che non farlo dal vivo!

Dunque, io sono del Piemonte, per l'esattezza a una 20ina di Km da Cuneo, se ti servono dettagli più precisi, non ho problemi a darteli, ma magari utilizzo una mail, non sono paranoico circa i dati personali, ma con ciò che circola al giorno d'oggi su Internet, meglio non fornire direttamente informazioni troppo personali...

Ciao

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 28 2011, 09:42 PM
Ciao Giulio,
oltre che ringraziarti, avrei da farti ancora un paio di domande (se non disturbo):
- Il trasfo te lo mando con i cablaggi fatti alla buona che ho fatto temporaneamente io?
- A spanne, quanto ci metti per effettuare il lavoro?

Comunque, sarei intenzionato ad inviartelo, ringraziandoti ancora. E'ormai raro, di
questi tempi, trovare ancora persone disponibili ad utilizzare il proprio tempo per aiutare qualcun'altro in una passione. Un applauso virtuale.

Non c'è problema per i cavi, vanno benissimo anche quelli in PVC normale!
Ciò che mi interessa sono i colori e le corrispondenze. Oltre che al funzionamento, ovvio! Ma sono certo di lasciarlo in buone mani! 1_my_roger.gif

Ciao,
Davide

P.S: dimmi quando sei disponibile che te lo invio. I dati erano in realtà solo per capire più o meno dove spedire... Per l'indirizzo completo ci sentiamo in PVT. thanx.gif

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 29 2011, 08:19 AM
Ciao Davide, ieri sera sono crollato miseramente prima delle 21, ma passo a rispondere alle tue questioni:

si, lascia pure i cavetti che hai messo, se per te non è un problema! Questo mi dovrebbe sveltire di qualcosina il lavoro di smontaggio e identificazione delle varie uscite. Altrimenti, ho altri metodi per identificare i vari avvolgimenti che sono a malappena più complessi

grosso modo, se non saltano fuori dei diametri di filo che non ho disponibili a magazzino, dovrei impiegare circa 1 settimana, anche meno senza scocciatori locali con il diavolo alle calcagna che vogliono qualcosa riparato.

Come ho già detto in diverse occasioni, se non ci si dà una mano quando possibile, allora tutto diventa molto più complicato di quanto lo è già. Ormai possiamo scordarci il supporto di negozietti di elettronica vari e di alcune ditte, quindi si cerca di arrangiarci nel piccolo.

Ok, allora! Mantengo la colorazione originale dei cavetti utilizzando quelli isolati in PVC e dovrei avere la serie completa dei colori. Fino a quando mi è possibile, utilizzo la sezione 0,50mmq, anche perchè dubito che la sezione dei cavi originali in gomma fosse tanto più grossa.

Scontato che prima di invarti il trasfo riavvolto, lo collaudo a tensione di esercizio nominale per un paio di ore, ci mancherebbe altro!

Per l'invio, quando ti viene più comodo, non ho problemi. Avvisami solo quando lo hai inviato, di modo che non possano capitare disguidi con le poste o la SDA. Ti invio ora via PM l'indirizzo

Giulio

Inviato da: Gamon il Mar 29 2011, 04:58 PM
Giulio, anche io adoro i mezzi d'epoca... Ma la mia fiammante Giulia del '74 (coi freni a disco) mi porta ovunque a velocità sostenute: basta mettere mano al portafogli ed elargire abbondante benzina!

Tienimi aggiornato su Marzaglia!

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 29 2011, 05:34 PM
Ok, controllerò per Marzaglia e spero che l'amico sia possibilitato a fare il viaggio.

Per i mezzi d'epoca, solitamente sono alla guida di un citroen HY del 1966, quello non c'è dubbio che beva come un maledetto, 1628cc di cilindrata e 3 marce + retro, aggiungici le doppiette d'obbligo per cambiare ed hai un quadro ben definito

Ciao

Giulio

Inviato da: Opus_Avantra il Mar 29 2011, 06:46 PM
la mia 850 sport coupè del'71 è un po meno assetata delle vostre,ma farci un viaggio lungo è una vera impresa,calcolate che a 110 Km/h il motore sta già a 5000 giri/min!!!

Inviato da: matt90 il Mar 30 2011, 03:29 PM
vi posso garantire che non sono solo le macchine a bere tanto, infatti con la mia lambretta 125 ld del '57 faccio 25 km/L mentre sul libretto di manutenzione era garantito un 40 km/L....Per non parlare della mia Alfa mito 1.4 155 Cv che pur non essendo d'epoca ciuccia già abbastanza happy[1].gif happy[1].gif

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 30 2011, 05:33 PM
Non per andare ulteriormente OT, ma penso che il buon HY vi batta tutti per bene, infatti ai 105 km/h, la sua massima velocità, è circa a 5500 giri/minuto e fa i 6 con un litro, messo da parte questi piccoli fatti, è sempre un divertimento pilotarlo

Giulio

Inviato da: colortube mania il Mar 30 2011, 07:05 PM
Certo col magnetofono centra poco eccomi con le mie due belle ALFA 33 boxer 1.7 16v Q.V.
Benzina a GOGò..............

Inviato da: colortube mania il Mar 30 2011, 07:09 PM
Basta senò diventa un forum automobilistico:
QUESTO CIUCCIA.........

Inviato da: colortube mania il Mar 30 2011, 07:14 PM
Moderatori vi prego non BANNATEMI ma non resisto ve la faccio vedere anche dentro la mia ALFA di cui sono orgogliosissimo......

Inviato da: bacanaz il Mar 31 2011, 07:54 PM
queste sono MACCHINE!!!! non quei bidoni dell'immondizia odierni

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 31 2011, 08:00 PM
Ciao Giulio,
ti volevo avvisare che oggi ho inviato il trasformatore con raccomandata 1. Dovrebbe arrivarti lunedì. Fammi sapere.

Ciao,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Mar 31 2011, 08:43 PM
Ciao a tutti,

chiudo l'OT che ho innescato dando piena ragione a Bacanaz, le auto odierne sono proprio dei giocattoli di plastica che tra un pò pensano al posto del guidatore... Complimentissimi per gli automezzi degli amici 1_my_roger.gif e vi posto una foto del mezzo con cui spesso ho a che fare, sperando che Davide e i moderatori non se la prendano troppo a male... P.S.: quello della foto non sono io, bensì un amico che ha partecipato a quel raduno, che se non sbaglio, è pure finito in televisione per i 90 anni della Citroen 2 anni fa.

Ritornando al tema iniziale, perfetto Davide, appena arriva il trasformatore ti avviso e incomincio a disassemblarlo per contare le spire e segnare i diametri

Buona serata!

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Mar 31 2011, 10:03 PM
Tranquilli, non me la sono presa affatto a male! Dopotutto, questo è un forum, fatto di persone, non un call center! Ogni tanto un po' di svago ci sta. O almeno, io lo accetto senza problemi.
Io ho solo una 500L del 1970 come auto, ma ho qualche moto.
Magari, se interessa, in A RUOTA LIBERA apro un thread a riguardo.

Ciao,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 4 2011, 03:36 PM
Il trasformatore è arrivato oggi alla mezza, in buone condizioni, se non per un'aluccia filettata che si è piegata. Ho provveduto a sbobinare il tutto e posto i dettagli nel caso potessero venire utili anche ad altri, non si sa mai!

I diametri di filo li ho in casa, per cui posso andare tranquillamente di bobinatrice, ho già anche reperito un centratore che fa al caso mio, e tutto è detto...

Giulio

P.S.: Scusate la pessima calligrafia, se c'è qualche dubbio, non c'è che da farmelo sapere!

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 4 2011, 03:49 PM
...E la parte inerente la disposizione e numero di spire di ogni avvolgimento.

Sono rimasto un pò sorpreso dalla minima quantità di carta isolante impiegata, ma credo che l'uso del nuovo tipo di smaltatura dei fili, molto migliore rispetto alla vecchia smaltatura color viola scuro, renda superfluo tutto l'isolante in più che si impiegava anni prima. Non che condivida queste scelte, ma così è stato realizzato e così lo ricostruirò.

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 4 2011, 05:01 PM
Ciao Giulio, sono contento che ti sia arrivato tutto a posto. Ti ho allegato (come certo avrai visto) anche lo schema elettrico, non preoccuparti per i segni a pennarello fatti sopra, è quello che uso io e ci sono delle annotazioni!
Grazie infinite per il lavoro e complimenti per la competenza e disponibilità dimostrate!

Davide Fabrici

P.S: come hai trovato i fili durante lo sbobinamento?

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 4 2011, 05:12 PM
Per assurdo il problema risiedeva nei vari filini che uscendo dal trasformatore si saldavano sui vari conduttori colorati, erano tutti belli ossidati in quel punto, ho provato con delicatezza a vedere se riuscivo a salvare il tutto senza riavvolgere, ma a momenti era sufficiente "guardarli di storto" per farli staccare, quindi inutile dirlo, ho smontato tutto e rifaccio senza grossi problemi.

Ho come il sospetto che la corrosione, oltre che dalla gomma "marcia" che sicuramente avrà emanato qualche sostanza acida durante la decomposizione, sia anche da imputare al nastro che teneva il filo smaltato alla fine degli avvolgimenti, per spiegarmi assomiglia al classico nastro adesivo di plastica, anche questo avrà probabilmente reagito chimicamente con il filo. Considera che la smaltatura più moderna, seppur ben superiore a quella vecchia color scuro, era ai primi passi all'epoca di costruzione del Gelosino, quindi nel male la cosa non mi sorprende eccessivamente...

Ciao

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 5 2011, 01:18 PM
Ciao ragazzi!
Piccola richiesta: c'è qualcuno di voi che sa come sostituire il condensatore elettrolitico secco n° 4122 25+25 uf 200V o ne ha uno di ricambio?

Grazie,
Davide Fabrici

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 5 2011, 01:31 PM
Ciao Davide, per il tuo problema lo si risolve mettendo 2 elettrolitici 22 o 33uF 350V (anche a 250V vanno benissimo, se riesci a trovarne!) avendo l'accortezza di collegare tra di loro i 2 negativi. Se vuoi fare un lavoro ben fatto, prendi il condensatore doppio originale, lo apri, lo svuoti e ci nascondi i 2 moderni dentro, ma ti sconsiglio vivamente di usare un componente d'epoca, eccetto forse i condensatori Philips '70 con la pellicola in plastica azzurra, per rimpiazzare un originale, il rischio di avere lo stesso un componente guasto è troppo elevato per i miei personali gusti!

Giulio

P.S.: a minuti parto per andare in negozio dove ho la bobinatrice e riavvolgerti quindi il trasfo

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 5 2011, 03:32 PM
Ah, quindi non ci sono problemi a mettere 33uf al posto di 25?

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 5 2011, 05:59 PM
Vai pure tranquillo con i 33 uF al posto dei 25 originali, e credo che anche gli altri amici del forum ti diranno la stessa cosa. Se esistono componenti elettronici con tolleranza schifosa, questi sono proprio gli elettrolitici, per quelli vecchi una tolleranza del -50% o del +100% era pressochè routine, quelli moderni probabilmente saranno più stretti, ma dubito che possano avere una tolleranza migliore del + o - 10%

Giulio

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 6 2011, 11:18 AM
Piccola sorpresa per Davide..

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 6 2011, 11:19 AM
altra foto

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 6 2011, 11:22 AM
Ultima foto. Oggi provvedo ad impregnarlo e a fare il collaudo, se tutto va come spero, dovrei riuscire a rispedirti tutto per venerdì o al più tardi lunedì, escludo il sabato alle poste perchè è un autentico suicidio

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 6 2011, 01:16 PM
blink.gif blink.gif 1_my_roger.gif 1_my_roger.gif thanx.gif thanx.gif
Beh, oltre a ringraziarti infinitamente, vorrei farti i miei complimenti, il trasfo sembra nuovo! (va beh che lo è quasi... My_Sorriso.gif ) thanx.gif thanx.gif
Senti che ti chiedo, alla fine sei riuscito a trovare tutti i colori corretti come in origine dei cavi? (Mi avevi accennato che forse avresti avuto difficoltà)
Ancora grazie, un applauso per la generosità e disponibilità dimostrate.

Non preoccuparti per la spedizione, effettivamente il sabato è tremendo...
Invece, con che metodo pensi di spedire?

Con stima,
Davide Fabrici

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 6 2011, 01:26 PM
Sissignore, ho trovato tutti i colori dei cavi come in origine, ho dovuto però fare un pò un "misto" di sezioni usando in parte lo 0,50mmq e in parte lo 0,75mmq, spero che non sia un problema a livello di passaggi.

Purtroppo la sezione così piccola come quelli originali di gomma non ce l'ho, se non riciclando qualcosa dai classici cavetti multipolari tipo vecchie connessioni seriali delle stampanti, ma anche lì non c'è tutta la serie dei colori che occorrono.

Per il ribobinamento, ho rifatto tutto nel giro di 2 ore scarse, sono rimasto pure io un pò sorpreso, ma come ho detto, la carta isolante era usata in quantità minima e ciò sveltisce di molto l'intera procedura una volta che si impostano il diametro del filo da avvolgere ed i limiti dello spazio sulla macchinetta, a quel punto tutto ciò che ho da fare è controllare il numero di spire avvolte e fermare il tutto quanto si raggiunge la quantità richiesta

Giulio

Edit: o sono completamente "suonato" e non ho notato da prima l'altra domandina o l'hai aggiunta mentre stavo completando la risposta, in ogni caso per la spedizione o faccio una scatoletta ben fatta ed imballo il tutto a prova di guerra nucleare, spedendo poi con la classica modalità "J+1" oppure utilizzo un metodo simile a quello che hai utilizzato tu con la busta imbottita, sono onestamente meno propenso per questa soluzione vista anche la minima differenza di prezzo, ma se hai una qualche preferenza, fammelo sapere!


Inviato da: Davide Fabrici il Apr 6 2011, 01:32 PM
Ottimo, ancora meglio!
Non credo sia un problema, ci dovrebbe passare tutto! (eventualmente tolgo le guaine gialle in vipla di protezione....)

Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 9 2011, 05:40 PM
X Davide: per un fattore del tutto fortuito che mi causerà dei pasticci tra 2 mesi scarsi, sono dovuto recarmi stamattina in posta per inviare una raccomandata, quindi ne ho approfittato per spedirti pure il trasformatore, dovrebbe arrivarti martedì. Fammi sapere quando ti arriva se è tutto OK

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 9 2011, 06:37 PM
Ottimo Giulio!
Felice per il trasfo, ma dispiaciuto per i pasticci, spero nulla di grave!
Ti saprò dire quando mi arriva!
E' andato tutto bene nel test sotto tensione?

Ciao e grazie,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 10 2011, 12:34 PM
Ciao Davide, sì, oserei dire che il collaudo è andato liscio come l'olio, ho "caricato" l'avvolgimento dei filamenti con una valvola che di suo assorbe come le 4 che monta il Geloso e dopo un paio d'ore il trasfo era tiepido. Non ho purtroppo potuto caricare l'avvolgimento alta tensione causa mancanza (e soprattutto irreperibilità dalle mie parti!) di adatto resistore di potenza, ma ho verificato che il livello di tensione erogato fosse ragionevole in base al circuito del magnetofono, per cui non dovrebbero esserci problemi.

Per il pasticcio di cui ti accennavo, ti invio ora un PM dove posso essere un pò più particolareggiato, ma inizio a dirti che assolutamente non è nulla di grave!

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 12 2011, 02:08 PM
Scusa Giulio che ti chiedo,
hai mica il numero di tracking della spedizione? (Ed il metodo di spedizione)
Mi fa comunque molto piacere che (come ho evinto dal PM) il pasticcio non è affatto grave. Buona organizzazione!

Grazie
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 12 2011, 02:13 PM
Ciao Davide, si, certo.

Ho usato la modalità "paccocelere 1 plus", mentre il tracking number, sperando che non crei problemi a te o al forum a postarlo, è XA527730317IT

Spero che ti sia utile

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 12 2011, 05:58 PM
Ciao a tutti.
Giulio, mi è arrivato il trasfo riavvolto. Oltre ad essere stato fatto un lavoro magistrale (è come uscito dalla Geloso 50 anni fa!), nell'operazione hai dimostrato una generosità affatto comune, che mi ha non poco sorpreso. Complimenti, e grazie ancora. thanx.gif thanx.gif 1_my_roger.gif
Piccola domanda per tutti: in certi avvolgimenti il trasfo ha due fili uguali. Ad esempio due blu, o due marroni. Se uno dei due fili va a massa e l'altro a circuito, come faccio a determinare quale dei due deve andare a massa ecc? E se devono andare alle valvole? (vedi schema elett. postato prima) O è indifferente?

Grazie,
Davide

Inviato da: Giulio Maiocco il Apr 13 2011, 08:28 AM
Per i fili dello stesso colore, penso che non faccia una briciola di differenza quale va a massa e quale è il polo "caldo" che alimenta il circuito. Solo su dei mega mixer professionali o apparecchiature da laboratorio particolari ciò potrebbe essere importante, e in quei casi credo che sia più semplice fare i tentativi collegando prima in un modo e invertendo il tutto se non si hanno i risultati attesi. Sul magnetofono qualsiasi combinazione secondo me cambia nulla.

Giulio

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 13 2011, 10:57 PM
Qualche aggiornamento sui lavori:

-Meccanica completamente smontata, pulita, lubrificata e revisionata. Anche l'interruttore generale è stato smontato e disossidato, così come la tastiera.

user posted image

Fortuna che i supporti motore sono a posto! Anche quest'ultimo pulito e lubrificate le bronzine.

user posted image

user posted image

Se volete chiarimenti od immagini, chiedete pure!

Davide

Inviato da: matt90 il Apr 14 2011, 10:26 AM
bel lavoro complimenti!!!! ti consiglio, quando non lo usi, di lasciarlo con il cambio velocità in posizione intermedia (in posizione folle) e di mettere verso sinistra la levetta di avanzamento veloce. tutto questo per non rovinare le preziosissime puleggie! 1_my_roger.gif

Inviato da: bedognettim il Apr 15 2011, 07:23 PM
che prodotto ai usato x pulire il telaio e molto lucido. my_bye.gif

proprio un bell' lavoro.. 1_my_roger.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 17 2011, 12:30 AM
Grazie a tutti per i complimenti! Si vede proprio che siete un gruppo di appassionati, mi trovo bene qui!
@bedognettim: guarda, dopo averla smontata nei più minimi particolari, ho coperto bene l'etichetta (ancora con la data di controllo!) di "ATTENZIONE non lubrificare ecc..." e ho sgrassato con lo sgrassatore bianco del gallo (c. clair, per intenderci) e con una dose abbondante di olio di gomito ho pulito tutto con stracci, carta ecc. laugh.gif 1_my_roger.gif

Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 23 2011, 11:17 PM
Piccolo aggiornamento: ordinati i condensatori da sostituire.
Mi consigliate di cambiare anche le resistenze (le ho ad impasto di carbone dell'epoca da 1/2W)?
A reve le foto del restauro "estetico delle plastiche"
Colgo l'occasione per augurare a tutti

BUONA PASQUA!!!

present.gif present.gif 1_my_roger.gif 1_my_roger.gif

Con stima,
Davide Fabrici

Inviato da: Davide Fabrici il Apr 27 2011, 02:02 PM
Ciao ragazzi.
Prima di aggiornarvi, avrei una domanda da porvi di una certa importanza.
Le bobine di nastro Geloso (originali) sono compatibili con TUTTI i magnetofoni (in particolare il mio), a prescindere dalla data di produzione? Avrei un amico che ha delle vecchie bobine, codice 104/lp, che però mi ha detto essere successive al 62. Saranno compatibili col mio?
Grazie,
Davide

Inviato da: Gamon il Apr 27 2011, 06:03 PM
Tutto il nastro è nastro...
L'unica incompatibilità che potresti incontrare è il tipo di registrazione o il diametro eccessivo della bobina.

Nel primo caso, non puoi ascoltare quello che c'è registrato, ma puoi cancellarlo e registrarlo di nuovo.

Nel secondo caso, te ne accorgi semplicemente con la misurazione.

Inviato da: matt90 il Apr 27 2011, 06:44 PM
ciao. le 104 lp erano le bobine create per magnetofoni come il g651 quindi diametralmente non compatibile con il 268 che invece prevedeva le 108 lp. my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il May 13 2011, 07:02 PM
GRANDE NOTIZIA!!!
Anche se mi sono fatto attendere, ho finalmente terminato la sostituzionde dei condensatoroni tubolari elettrolitici, che ho trovato quasi uguali (quello da 25+25uf è stato sostituito con uno da 32+32uf, ed è identico, solo un po'più grosso in diametro).
L'unico che purtroppo non sono riuscito a camuffare nel suo involucro di cartone è quello da 16uf, che ho trovato sempre da 16uf, ma di diametro alquanto maggiore.
Tutto felice collego la parte inf a quella superiore, e collego alla 220. Accendo ed ecco i primi spasmi di vita! Che emozione vedere l'occhio magico accendersi lentamente, i filamenti delle valvole illuminarsi di rosso, ed infine vedere che, premendo il tasto verde, la bobina iniziare a girare allegramente.
Ma qui finiscono le gioie. Col volume a zero, tutto a posto. Occhio magico stabile ed illuminato di 0.8 cm per parte. Appena regolo il potenziometro volume, l'occhio magico schizza al massimo e, se continuo, va un po'su ed un po' giù. Il tutto mi crea anche delle scariche azzurre nella 6AQ5. Che succede?
Ah, collegando l'altoparlante, con volume zero tutto silente, apeena regolo si sentono dei rumori come scariche elettriche.

Ciao, a breve foto,
attendo notizie,
Davide

Inviato da: bacanaz il May 13 2011, 07:07 PM
attento! non accendere mai il registratore senza l'altoparlante, altrimenti bruci il TU e la valvola finale, per le scariche nell'altoparlante potrebbe essere il potenziometro del volume molto psorco, prova a spruzzargli dentro un po' di disossidante

Inviato da: Davide Fabrici il May 13 2011, 07:27 PM
Ah però! E come verifico se il TU è bruciato?

Ciao,
Davide

Inviato da: bacanaz il May 13 2011, 08:17 PM
con l'ohmetro controlli la continuità degli avvolgimenti

Inviato da: Davide Fabrici il May 13 2011, 10:22 PM
Come pensavo...
Ho verificato ma sembra tutto a posto.
I due avvolgimenti misurano uno 0.8 Ohm (Non è un po' poco?), è quello che va al jack cuffie e altoparlante esterno, e l'altro, quello che va al circuito, misura 398 ohm. Ci siamo come misure??

Grazie,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il May 13 2011, 10:54 PM
Cambiata la 6AQ5, nella quale era entrata aria, e montato l'altoparlante, ho provato ad ascoltare un nastro. Sono riuscito a recepire qualcosa, ma era come se fosse troppo veloce. Come faccio a capire se la velocità è costante e corretta della rotazione?
Inoltre, in che ordina vanno connessi i due fili che arrivano al commutatore velocità?

Grazie,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il May 16 2011, 03:49 PM
Ottimo, tutto regolato e connesso. Ma ci sono ancora alcuni problemini:
1- Il più importante: il pinch roller non tiene su il nastro facendolo arricciare e rovinare (chiaramente la riproduzione è fastidiosissima, quasi incomprensibile), nonostante la gomma sia tenera e non molto rovinata. Come posso rimediare? Qualcuno ne ha uno nuovo?
2- Quando premo il tasto "FERMO", prima di fermarsi il nastro fa un balzo in avanti: perchè?

Grazie,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il May 17 2011, 09:17 PM
Nessuna idea?? sad[2].gif

Grazie,
Davide

Inviato da: Gamon il May 17 2011, 10:38 PM
Quei pitch-roller sono di misura abbastanza standard, molto simili a quelli dei meccanismi a cassetta.

Nel mio esemplare, ne ho recuperato uno da un registratore cinese mono... Spacchi il fusto in plastica, e calzi la gomma sul supporto del Geloso.

Per la questione del "balzo", è tutta una questione di tempi di risposta dei leverismi...

A tentativi, devi piegare leggermente le camme dove la pressione del tasto agisce sui vari bracci e fare in modo che i FRENI di entrambe le bobine intervengano PRIMA che il motore venga sganciato dal rocchetto di avvolgimento.

Inviato da: Davide Fabrici il May 19 2011, 09:57 PM
Ciao gamon, scusa ma non capisco di che leverismi parli...
Il mio ha solo un interruttore dove agisce lo stop... null'altro.
Poi si è presentato un problema, ovvero l'occhio magico non si muove in riproduzione (sebbene sia acceso), ma solo in registrazione, e si muove bene.
Come mai?

Grazie,
Davide

Inviato da: matt90 il May 20 2011, 12:10 PM
QUOTE (Davide Fabrici @ May 19 2011, 09:47 PM)
Ciao gamon, scusa ma non capisco di che leverismi parli...
Il mio ha solo un interruttore dove agisce lo stop... null'altro.
Poi si è presentato un problema, ovvero l'occhio magico non si muove in riproduzione (sebbene sia acceso), ma solo in registrazione, e si muove bene.
Come mai?

Grazie,
Davide

questo è normale in quanto l'occhio magico serve solo per regolare il segnale in registrazione per evitare distorsioni...

Inviato da: Davide Fabrici il May 20 2011, 05:11 PM
Ah ok, ottimo, ti ringrazio molto, il dubbio mi era venuto vedendo un filmato su youtube in cui si vede l'occhio magico "muoversi" in riproduzione...
Ora, l'unica cosa che manca è il perchè il nastro fa un balzo in avanti alla pressione di "STOP". Per spiegarmi, quando è in riproduzione, gira regolarmente, appena premo stop accelera per mezzo secondo e si ferma. Anche se è in riavvolgimento e premo subito stop, va in avanz. veloce mer mezzo secondo e si ferma.
Che succede??


Con stima,
ringrazio già per le risposte,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il May 23 2011, 07:02 PM
Niente, non riesco a risalire al problema...
Tra l'altro, anche grattando il pinch roller (col dremel, stando attentissimi a farlo cilindrico), non prende il nastro... Non è che slitta sul capstan?

Abbiate ancora un po' di pazienza a rispondere, che tra poco lo vedrete finito!!!

Ciao,
Davide

Inviato da: Gamon il May 23 2011, 09:02 PM
Se la gomma è secca, è secca... Non riesce a far presa! Bisogna cambiare il pressore.

Per quel che riguarda il discorso che ti facevo io, E' che sui giochi dei leverismi, dovrebbe PRIMA staccare corrente al motore, poi staccare la trazione al rocchetto, ed infine sollevare il pitch-roller.

Se per la deformazione di uno dei tiranti, o qualche gioco da usura la sequenza non è più questa, avrai l'effetto da te lamentato.

Molto spesso questo "difetto" dipende proprio dal pitch-roller che si è eccessivamente ridotto di diametro (e per tanto basta uno scostamento di pochi decimi di mm del braccetto per provocarne il distacco dal capstain).

Inviato da: Davide Fabrici il May 23 2011, 09:19 PM
Ah!! Ok, ora ho capito, scusa ma non mi era chiaro!

Solo che non ho idea di dove cercare un pinch roller nuovo, o in buono stato... Non posso metteri a scassinare VCR per trovarlo" laugh.gif My_Sorriso.gif Anche perchè mia mamma si incacchierebbe parecchio, se le portassi altre cose in casa!

Ciao,
Davide

Inviato da: 7x3 il May 23 2011, 09:21 PM
ciao,
se in riproduzione, il nastro avanza regolare, molto probabilmente il " pinch-roller " è a posto.

Credo sia più facile che tu abbia i freni che sono finiti, dovresti individuarli, ed eventualmente rifarli.

A volte, quando ci sono delle gomme indurite, si possono rigenerare ( in parte ) tenendole affogate nel paraflu ( il liquido antigelo per auto) per almeno 24 ore.

a presto

Inviato da: Davide Fabrici il May 23 2011, 09:50 PM
Ciao, ti ringrazio, ma il problema è, più che quello del "salto", il fatto che in riproduzione (e registrazione, chiaro) il nastro "scarti" scivolando in basso, proprio in corrispondenza del pinch, chiaramente non permettendo registrazione o riproduzione intelligibili...


Attendo consigli,

Grazie,
Davide

Inviato da: 7x3 il May 23 2011, 09:59 PM
ok,
allora potrebbe essere anche il capstan che non è perfettamente in asse con il pinch-roller, o lo stesso leggermente conico.

Certo che è strano che in registrazione sia perfetto.

Comunque controlla che il capstan non abbia una bronzina usurata nella parte opposta al pinch-roller.

a dopo

Inviato da: Davide Fabrici il May 23 2011, 10:07 PM
In che senso in registrazione è perfetto? Anche in registrazione il nastro scarta.

Davide

Inviato da: 7x3 il May 23 2011, 10:21 PM
QUOTE (Davide Fabrici @ May 23 2011, 09:40 PM)
in riproduzione (e registrazione, chiaro) il nastro "scarti"

scusa, ma avevo capito che in registrazioneera chiaro, l'audio!

ohmy[2].gif

Inviato da: Davide Fabrici il May 23 2011, 10:23 PM
No scusa, mi sono spiegato male io! unsure.gif Intendevo "ovviamente", con quel "chiaro"!
Comunque, sai dove possa trovare un pinch roller da sostituire?

Davide

Inviato da: 7x3 il May 23 2011, 10:34 PM
sinceramente, non saprei, potresti prendere le misure con un calibro e postarle, se fai anche una foto è perfetto.

Non ci si può adattare un pinch-roller (modificandolo) recuperato da un VCR ?

Avresti trovato qualcosa al mercatino di Marzaglia.

a dopo

Inviato da: selett il May 24 2011, 10:12 AM
Ciao.
Complimenti per lapassione con cui stai restaurando questo apparecchio.
Per quanto mi ricordo l'occhio magico in riproduzione si muove ma ha una sensibilità inferiore rispetto a quando registri, quindi per vederlo muovere devi alzare molto il volume.
Per il pressore: ti consiglio di provare ad accostarci mentre gira un panno o una carta assorbente imbevuta di acetone: questo dovrebbe restituire alla sua superficie quel grado di ruvidezza corretto per dare la giusta presa sul nastro.
Naturalmente senza esagerare altrimenti mangi troppa gomma e si riduce il diametro.
Chiaramente se la gomma è troppo indurita o peggio screpolata rimedi poco.
Se il nastro trasla di lato quando scorre il problema può essere dovuto a una conicità del pressore: per intenderci se il nastro trasla in basso vuol dire che il pressore ha un diametro in accesso in basso e in difetto nella parte alta, cioè è allargato in basso. Dovresti quindi cercare di tornirlo in basso usando della tela finissima.... chiaramente sono tutte soluzioni del tipo "bere o affogare" vista l'impossibilità di avere un ricambio....
my_bye.gif

Inviato da: selett il May 24 2011, 10:17 AM
oops scusa ho riletto la parte finale del discorso..... ho invertito le cose: se il nastro trasla in basso il diametro maggiore è in alto quindi è lì che devi agire.
Volevo dire così ma mentre scrivevo non mi sono accorto che ho scritto al contrario.
Comunque ragionandoci ti accorgi che meccanicamente è così, ovvero il nastro scappa via dalla parte opposta a quella dove viene premuto di più.

Inviato da: Gamon il May 24 2011, 06:32 PM
Sul mio Geloso ho sostituito il pitch con uno NORMALISSIMO recuperato da un registratore a cassette portatile (quelli cinesi anni '90)... Usi solo la gomma, e recuperi il fusto interno di plastica con la bronzina.

Inviato da: Davide Fabrici il May 29 2011, 09:57 PM
Rieccomi!
Questa volta, però, con un po' di foto della parte elettromeccanica restaurata!!
Spero vi piaccia e non vi stia annoiando...
Attendo commenti!

user posted image

user posted image

user posted image

user posted image

Ciao,
Davide

Inviato da: giacomo004 il May 29 2011, 11:43 PM
1_my_roger.gif

Secondo me hai fatto un lavoro bellissimo.

Complimenti.

my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il May 30 2011, 07:25 PM
Ti ringrazio per l'apprezzamento, è molto gradito, soprattutto da parte di un esperto!

Grazie,
attendo commenti,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il May 30 2011, 07:34 PM
Ah ecco, un'altra cosuccia: c'è un condensatore, marchiato CIRCE, color nero, tra quelli che ho lasciato originali, con queste caratterisatiche : 150 Vcc 0.5 uF, che è collegato direttamente al teminale "A" della testina: mi consigliate di cambiarlo? Ha un notevole impatto sull'affidabilità e qualità di riproduzione?

Grazie e scusate per le domande da neofita, ma è ciò che sono... happy[1].gif

Davide

Inviato da: matt90 il May 31 2011, 04:02 PM
QUOTE (Davide Fabrici @ May 30 2011, 07:24 PM)
Ah ecco, un'altra cosuccia: c'è un condensatore, marchiato CIRCE, color nero, tra quelli che ho lasciato originali, con queste caratterisatiche : 150 Vcc 0.5 uF, che è collegato direttamente al teminale "A" della testina: mi consigliate di cambiarlo? Ha un notevole impatto sull'affidabilità e qualità di riproduzione?

Grazie e scusate per le domande da neofita, ma è ciò che sono... happy[1].gif

Davide

vai tranquillo, nessuno è nato imparato!!!! comunque quel condensatore serve ad accoppiare il segnale proveniente dal microfono in fase di registrazione, quindo non ha impatto sulla riproduzione!

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 2 2011, 11:19 PM
Ciao ragazzi, ormai siamo agli sgoccioli, ma vi devo fare ancora qualche domandina:
ecco, intanto, la prima:

Secondo voi è necessario cambiare le resistenze con nuove (sempre ad impasto di carbone da 1/2 W, così rispettano l'originalità totale)? Solo alcune hanno alterato il valore resistivo nominale (es. 50 kohm al posto di 47 ecc...).

Ciao e GRAZIE,
attendo risposte e commenti,
con stima,
Davide Fabrici

Inviato da: matt90 il Jun 3 2011, 10:25 AM
ciao! le resistenze che veivano usate ai tempi non avevano tolleranze così ristrette quindi se varia di pochi ohm (in relazione al valore della resistenza stessa) si possono tranquillamente tenere! my_bye.gif

Inviato da: Gamon il Jun 3 2011, 11:36 AM
Confermo: avevano tutte tolleranze del 10%, alcune addirittura il 20%.

Se vuoi avere l'originalità, cambiale solo se vanno oltre il 20%.

Se vuoi il massimo delle prestazioni... Beh, che dire??? Cambia tutto!

Vedi tu.

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 3 2011, 01:20 PM
Innanzitutto ringrazio tutti, ed effettivamente molte non hanno il collarino colorato di indicazione di tolleranza (quindi è il 20%, giusto?).
Comunque, io non punto alle massime prestazioni, ma al giusto compromesso tra efficienza/sicurezza ed originalità. Pertanto non cambierò le resistenze, se non quelle molto fuori tolleranza, ma non credo ve ne siano.

A breve spero di poter dire di averlo risuscitato, attendete fiduciosi!! My_Sorriso.gif My_Sorriso.gif

Un saluto,
Davide

Inviato da: 7x3 il Jun 3 2011, 03:16 PM
ma poi con il pinch-roller come hai rimediato?

my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 3 2011, 03:21 PM
Ciao 7x3, per ora non ho ancora rimediato, oggi pomeriggio penso di "rettificarlo" in modo tale che la superficie risulti dritta e liscia....

Pensate sia un buon metodo?

Ciao,
Davide

Inviato da: Gamon il Jun 3 2011, 03:48 PM
Prima hai provato a tenerlo una notte in ammollo nel GLICOLE PURO (il comune antigelo per radiatori non diluito)?

Tornire il pitch è un lavoro molto delicato: se per disgrazia esce conico, il nastro non starà più in sede.

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 3 2011, 04:30 PM
Ciao,si, l'ho tenuto anche per più di una notte, ma nulla è cambiato....

Ciao,
Davide

Inviato da: Gamon il Jun 3 2011, 04:41 PM
Allora prova... Intanto se mi capita a tiro un altro pitch più nuovo te lo tengo da parte.

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 3 2011, 04:57 PM
Davvero? Beh, grazie mille, questo forum mi sta piacendo sempre di più! Complimenti per la vostra generosità!!

Ciao e GRAZIE,
Davide Fabrici

Inviato da: Gamon il Jun 3 2011, 08:42 PM
Non è generosità... E' un favore anticipato! AHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!

Scherzo: se non ci si aiuta tra di noi...

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 3 2011, 09:12 PM
laugh.gif laugh.gif laugh.gif Comunque, a parte gli scherzi, se posso (dal basso della mia "neofitezza"), sarò felice di ricambiare in qualche modo! Intanto attendo fiducioso!

Un saluto e grazie,
Davide Fabrici

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 6 2011, 08:35 PM
Ragazzi, udite udite!! Sono qui ad annunciarvi che il restauro del Geloso G268 è TERMINATO!!! (in realtà il pinch roller non va ancora bene, ma in attesa di uno nuovo o comunque funzionante ho terminato).

A breve le foto!!!


Attendo commenti,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 6 2011, 09:12 PM
Ecco le foto, come promesso!!!!

user posted image

user posted image

user posted image

user posted image

Attendo numerosi commenti, opinioni ed anche critiche, se costruttive!!

Ciao,
Davide Fabrici

Inviato da: Gamon il Jun 6 2011, 09:47 PM
Direi che è tenuto bene... Io ne ho uno praticamente immacolato, ma la metallizzazione della mascherina non è così lucida: anzi, tende a scrostarsi.

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 6 2011, 09:49 PM
Ti ringrazio! Mi lusinga, da parte tua, un complimento!

my_bye.gif my_bye.gif

Ciao
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 7 2011, 04:38 PM
Ne approfitto per i ringraziamenti:

Innanzitutto un enorme grazie a Giulio Maiocco, per il riavvolgimento del trasformatore a gratis, ed inoltre ha fatto un lavoro MAGISTRALE. Un altro applauso.
Ringrazio comunque di cuore tutti gli altri che mi hanno supportato, Gamon, matt90, selett, 7x3, bedognettim, giacomo004, colortube mania, danovagius, bacanaz e tutti gli altri!!
GRAZIE!!

Davide Fabrici

Inviato da: opensource il Jun 7 2011, 05:20 PM
Non avendo esperienza non ho partecipato prima, ma approfitto adesso per farti i complimenti: gran bel lavoro! 1_my_roger.gif
Complimenti e un saluto anche a tutti gli appassionati che hanno contribuito a dar vita a questo magnifico apparecchio 1_my_roger.gif
my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 7 2011, 09:51 PM
Grazie opensource per i complimenti!

Davide

Inviato da: giggi il Jun 7 2011, 10:47 PM
ciao davide ho seguito la discussione passo-passo e devo dire che sei molto in gamba complimenti per l'opera 1_my_roger.gif 1_my_roger.gif my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 7 2011, 10:53 PM
Grazie mille giggi per i complimenti, diciamo che me la cavicchio, ma ho iniziato anch'io da poco ad addentrarmi nel fantastico (ma complesso) mondo dell'elettronica!

Ciao,
Davide

Inviato da: bedognettim il Jun 9 2011, 08:07 PM
bravo.complimenti x te dell' bell'lavoro che hai fatto. my_bye.gif

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 9 2011, 10:39 PM
Grazie! E' un piacere!

Davide Fabrici

Inviato da: Gamon il Jun 10 2011, 06:06 PM
Ciao, Davide...

Ieri ho demolito una orribile ed inutile autoradio cinese anni '80, ed ho recuperato questo pitch-roller.

Come misura all'incirca ci siamo: se ti serve è qui!

Ciao,
Gabriele.

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 10 2011, 07:03 PM
Ciao Gamon!!
Grazie mille, senti che ti chiedo, me lo potresti inviare via posta (chiaramente dietro pagamento del pezzo e delle spese)?

Grazie,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Jun 15 2011, 09:43 PM
Ciao Gabriele, mi è arrivato oggi il pinch roller, e mi sono precipitato a montarlo, con un piccolo adattamento si è montato subito. E il nastro sembra scorrere su un BINARIO!! Ti ringrazio moltissimo per la generosità e disponibilità dimostrate.
Prima o poi, in qualche modo verrai ricompensato!

Invece, ora che il nastro scorre perfetto, grazie a gamon e il geloso si accende grazie a giulio è rimasto solo un piccolo problemino: come mai la qualità audio è relativamente cattiva? (Registrato oggi a velocità max) Sono io che pretendo troppo o magari è questione di sporco/smagnetizzazione delle testine?


Grazie ancora,
con stima e riconoscenza,
Davide Fabrici

Inviato da: Gamon il Jun 15 2011, 11:17 PM
La prima cosa da indagare è la qualità del NASTRO... Provalo su un altro registratore più moderno e vedi come si comporta.

Se non è il nastro, la cosa più facile è che si sia starato il BIAS.

Necessita una taratura minuziosa con i parametri presentati nel libretto di istruzioni.

Inviato da: Davide Fabrici il Oct 15 2011, 10:39 PM
Ciao ragazzi...
Riprendo e riesumo questo vecchio restauro per porvi un'altra domanda, da "Assistenza tecnica Geloso" My_Sorriso.gif : Praticamente, e non capisco perchè (sono del resto un semi-principiante), la qualità di riproduzione è eccellente (ad esempio ascoltando vecchi nastri registrati), se invece registro sul nastro la qualità diventa mediocre, con lievi fluttuazioni di suono (quasi impercettibili), ma soprattutto bassa fedeltà, anche a 9.31 cm/s...
Come mai?

Grazie ancora,
Davide

Inviato da: Davide Fabrici il Oct 17 2011, 09:42 PM
Nessun'idea? Vi ringrazio comunque in anticipo!

Inviato da: Gamon il Oct 17 2011, 10:51 PM
Ciao!

O non è ben regolata la corrente di bias dell'oscillatore ultrasonico... Oppure stai cercando di registrare su nastri andati a male, che non accettano più variazioni magnetiche.

Inviato da: Rick59 il Oct 17 2011, 11:49 PM
QUOTE (Davide Fabrici @ Oct 16 2011, 12:29 AM)
Praticamente, e non capisco perchè (sono del resto un semi-principiante), la qualità di riproduzione è eccellente (ad esempio ascoltando vecchi nastri registrati), se invece registro sul nastro la qualità diventa mediocre, con lievi fluttuazioni di suono (quasi impercettibili), ma soprattutto bassa fedeltà, anche a 9.31 cm/s...

A parte quanto giustamente fatto notare da Gamon: la corrente di bias ed il deterioramento dei nastri sono fattori essenziali specie in fase di registrazione.
Aggiungo soltanto che la qualità di registrazione è influenzata anche da molte altre variabili: le "fluttuazioni di suono" di cui parli, ad esempio, potrebbero essere causate da un non perfetto contatto del nastro con la testina di registrazione (caso piuttosto frequente), ed attribuibili sia ai 'feltri preminastro' (quelli di fronte alla suddetta testina/e) spesso troppo induriti e/o deformati dal tempo, come pure dai nastri stessi, che hanno perso la loro elasticità meccanica (oltre a quella 'magnetica'), quindi non riescono più ad aderire perfettamente alla testina.
Sempre che tu intenda "variazioni di volume". Se invece si tratta di variazioni di velocità, le cause sono molto probabilmente da ricercare nella parte meccanica: cattivo contatto del pinch roller con il capstan soprattutto, senza comunque escludere nessun'altra parte meccanica relativa al trascinamento del nastro.

Anche se esula quasi dal tipo di registratore in oggetto, si potrebbe infine trattare di un difetto causato dall'usura della testina. Senza scendere troppo nei particolari, ogni testina, in registrazione, necessita di una ben determinata corrente di bias, in base alle caratteristiche costruttive della stessa, ma soprattutto dal "traferro" del suo nucleo, che purtroppo via via si 'allarga' con l'usura causata dal nastro.
In parole semplici, una testina anche notevolmente usurata potrebbe riprodurre ancora in modo soddisfacente nastri preregistrati, ma dare pessimi risultati in registrazione.
Argomento comunque quasi infinito, come le possibili cause e soluzioni, a volte banali, a volte quasi impossibili. Di certo, in qualsiasi apparecchio, che sia un vecchio 'reel' od un 'cassette', ma anche di un VCR , di un DAT o di un più modermo masterizzatore CD o DVD, la parte "registrazione" è sempre la più critica, e quella che per prima rivela eventuali anomalie e/o precoci sintomi di 'vecchiaia'
Ciao
my_bye.gif

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)
© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)